Il Lecce di Baroni ha numeri da “paura”: a Como per i 3 punti

Il capitano del Lecce Lucioni e l’attaccante Coda (foto. P.Pinto)

LECCE (di Carmen Tommasi) – Quaranta punti in classifica dopo 20 gare giocate, ottenuti grazie a 11 vittorie e 7 pareggi. Le sconfitte, invece, sono solo due. 34 gol fatti, il migliore attacco della B, e 17 subiti, per la seconda migliore difesa: benvenuti nel Lecce di mister Marco Baroni, capolista della serie cadetta, che con il suo 4-3-3 è sempre più protagonista di un campionato importante, competitivo e degno di nota.

CHE RITMI – Nelle ultime 5 gare 4 vittorie e 1 sola sconfitta per 12 punti conquistati. Altra nota positiva Coda e Strefezza in due hanno messo a segno 18 gol, nove a testa. Rosa, questa, che può fare ancora meglio nella seconda e ultima parte di stagione, perché decisamente rinforzata dal duo Corvino-Trinchera con i 5 nuovi acquisti arrivati nel calciomercato di riparazione: Faragò, Asencio, Simic, Plizzari e Ragusa con il tecnico toscano che ha un degno sostituto per ogni ruolo e che molto probabilmente giocherebbe titolare in più squadre di B.
TESTA AL COMO – Intanto, capitan Fabio Lucioni e compagni continuano a lavorare a suon di sedute atletiche e tattiche nel quartier generale dell’Acaya. Barreca, Bleve, Rodriguez e Tuia (quest’ultimo impegnato nel ricondizionamento) proseguono nel lavoro personalizzato, con Di Mariano che ha effettuato delle cure fisioterapiche. Giovedì altra seduta al mattino, sempre a porte chiuse e all’Acaya. Sabato alle ore 14:00 per la 21esima giornata di ritorno i giallorossi affronteranno la neo-promossa Como di Giacomo Gattuso che gioca un calcio semplice ma efficace che si trova all’undicesimo posto del torneo con 26 punti in classifica frutto di 6 vittorie, altrettante sconfitte e 8 pareggi, numeri che da neopromossa sono di tutto rispetto. Modulo di base il 4-4-2. All’andata al Via del Mare, lo scorso 29 agosto, è finita 1-1 a Coda ha risposto Cerri. Ma, adesso, è tutt’altra storia: come andrà a finire?! Lo scopriremo solo vivendo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*