In classe con le coperte, gli studenti annunciano lo sciopero: “Dad a scelta”

LECCE- Finestre aperte per circa cinque ore per garantire il giusto ricircolo dell’aria nel mese di gennaio: è una delle regole che le scuole devono rispettare e che sta rendendo lo stare in classe un incubo per gli studenti, ma anche per i docenti. Le scuole non sono attrezzate con adeguati sistemi di areazione e purificazione dell’ambiente, così finestre e porte spalancate rimangono l’unica soluzione per contrastare la diffusione del virus, molto più veloce negli ambienti chiusi. Molti ragazzi si presentano in classe con coperte e plaid, alcuni addirittura con la borsa dell’acqua calda elettrica. Impossibile spogliarsi di giubbotti, sciarpe e guanti. “Se non si ammaleranno di Covid si prenderanno una polmonite” dicono i genitori dal Nord al Sud dell’Italia, ma anche gli studenti non sono contenti e annunciano lo sciopero.

“Dopo che i rappresentanti di istituto di Lecce e provincia si sono riuniti- si legge in un messaggio ufficiale dei rappresentanti d’istituto lecce e provincia che da qualche ora circola sulle chat studentesche- sono emerse diverse problematiche nelle scuole legate alla situazione sanitaria in cui tutti noi ci troviamo. Tra queste l’alto tasso di contagio tra i giovani, la mancanza di mascherine ffp2, l’inadeguatezza dei trasporti, e più in generale il peggioramento della vita all’interno delle 4 mura che rendono la scuola un ambiente meno piacevole da vivere causa restrizioni. Per questo si è deciso sotto comune accordo di indire uno sciopero prolungato (tramite assenza di massa) di tutti gli studenti di Lecce e provincia, che avrà inizio nella giornata di Giovedi 13/01 (con l’eventualità di prolungarlo a tutta la restante settimana), per cercare di ottenere DAD facoltativa, in modo da consentire a chiunque lo ritenga necessario la possibilità di proseguire le lezioni in modalità telematica”.

Gli studenti accompagneranno la protesta con una lettera che sarà indirizzata alla Regione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*