Da Vicenza rimbalza una voce, rinviata la gara con il Lecce: ancora nessuna ufficialità

covid us lecce

LECCE – Il boom di contagi, questa volta, nel Vicenza ha spinto la Asl locale, secondo il Giornale di Vicenza, al rinvio della gara con il Lecce che era in programma per giovedì sera al Via del Mare alle ore 20:30, recupero della 18esima giornata di campionato di serie B. Partita che era sta già rinviata, lo scorso 20 dicembre, per i casi di positività al coronavirus allora presenti nel club giallorosso. Per l’esattezza due elementi nel gruppo-squadra.

I biancorossi, fanalino di coda della cadetteria, allenati da Cristian Brocchi hanno sedici contagiati: il match, che doveva essere arbitrato, anche questa volta, da Antonio Di Martino di Teramo, sarebbe stato, quindi, rinviato a data da destinarsi. Si sarebbe finalmente sbloccata la decisione della l’Asl vicentina per il focolaio che si è creato in casa del Vicenza. Fin qui le fonti vicentine.

Vi è da dire che, a differenza della Lega A, la Lega B non ha adottato alcun protocollo circa il numero minimo dei positivi necessario per il rinvio. Proprio in queste ore è in programma un Tavolo congiunto Governo – Regioni che sono competenti sulle Asl, e Federazioni Sportive per varare finalmente un protocollo comune. Nella bozza è previsto il rinvio in caso di contagio di almeno il 35% della rosa della prima squadra. Al momento, però, il protocollo non risulta approvato né si sa quando, eventualmente entrerebbe in vigore, anche perché deve essere mandato al CTS per l’approvazione ed una conseguente circolare del Ministro della Salute.
Tutto è in evoluzione e seguiranno aggiornamenti.

Proprio l’assenza di un protocollo valido per la B sembrerebbe rendere inutile il ricorso al Tar Veneto contro la delibera di quarantena, che riguarda invece i “contatti stretti” con i positivi. Ed infatti, se pure fosse annullata, il numero dei positivi, senza protocollo, legittimerebbe la disputa dell’incontro?

Insomma davvero un gran guazzabuglio, senza certezze, in cui tutto è in divenire e niente può essere escluso. Non resta che attendere notizie ufficiali.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*