Serie C, dilaga il covid: disposto ulteriore rinvio. Virtus e Taranto a ranghi ridotti

Nuovo rinvio del campionato di Serie C di calcio. La causa, ovviamente, il dilagare del Covid. La 22esima giornata, rinviata inizialmente al 16 gennaio, verrà disputata il prossimo 23 febbraio, con i campionati di terza serie che, si spera, potranno riprendere tra due weekend, il 23 gennaio con le gare rimaste in sospeso.

A decretarlo nelle scorse ore è stata la  Lega Pro, presieduta da Francesco Ghirelli. “Sentiti il Consiglio direttivo e il parere del consulente medico scientifico, considerati il permanere delle condizioni di incertezza derivante dall’emergenza da Covid-19 – recita la nota diramata – si dispone il posticipo della 3/a giornata di ritorno di Serie C”.

Sono circa 250 gli attuali positivi nelle squadre della Serie C sui 1.700 tesserati nei tre gironi.

Nel frattempo anche le due compagini salentine impegnate nel girone C, Virtus Francavilla e Taranto, hanno fatto i conti con il coronavirus, con le squadre costrette ora a lavorare a ranghi ridotti. Anzi, i brindisini, in particolare, dopo aver riscontrato ben 11 positività nel gruppo squadra, hanno optato per sedute individuali. L’ulteriore rinvio disposto dalla Lega potrebbe essere utile per recuperare quanti più elementi possibile in vista del ritorno in campo, ad oggi riprogrammato al prossimo 23 gennaio.

Sette positivi anche nel Taranto, sei giocatori ed un membro dello staff tecnico, tutti emersi nei primi giorni del nuovo anno. Sono tutti asintomatici e le loro condizioni sono monitorate costantemente dalla dirigenza. Una dirigenza che nel frattempo deve pensare anche al calciomercato. Le sirene hanno raggiunto il terzino Antonio Ferrara, fino ad ora 15 presenze e tanta qualità dimostrata. Per lui, 22 anni, sono arrivati attestati di stima da parte del Catanzaro, ma soprattutto circolano voci di un interessamento da parte del Benevento, formazione di Serie B in piena lotta promozione.

La società rossoblu non è intenzionata a farlo partire a cuor leggero, ma è pronta a valutare le migliori offerte per poter monetizzare il più possibile da una sua possibile cessione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*