Covid, in provincia di Lecce casi quadruplicati in una settimana: sono 8.023

LECCE- 8.023 positivi in provincia di Lecce a causa dell’alta contagiosità della variante Omicron e al numero maggiore di tamponi effettuati. Una vera e propria impennata rispetto ad una settimana, con un dato che si è quadruplicato: venerdì 24 dicembre i casi erano 2.085. Numeri mai registrati dall’inizio della pandemia soprattuto se confrontati con il dato in provincia di Lecce nello stesso giorno di un anno fa: i casi erano 1.453.

Tuttavia la situazione è cambiata. Il 31 dicembre del 2020, 98 persone erano ricoverate negli ospedali della provincia di Lecce, 11 in terapia intensava. Quest’anno sono 50 i ricoverati negli ospedali della provincia di cui 8 in terapia intensiva. Il vaccino sicuramente protegge dalle conseguenze più gravi della malattia.

Nel dettaglio i numeri del Report settimanale a cura del dott. Fabrizio Quarta, direttore di Epidemiologia e Statistica dell’Asl Lecce. Sono diversi i comuni con una percentuale di positività su mille abitanti che supera il 10%. Difficile la situazione a Lecce con 1.283 positivi, Copertino con 582, Nardò con 351, Surbo con 282. Superano i 100 casi anche i comuni di Campi Salentina, Carmiano, Cavallino, Cutrofiano, Galatone, Lequile, Lizzanello, Maglie, Martano, Matino, Melissano, Monteroni, S. Cesario e S. Donato, Scorrano, Taviano, Trepuzzi, Tricase e Veglie. Mentre non ci sono più comuni covid free. La fascia d’età da 0 a 35 anni continua ad essere la più colpita, con il 42%, mentre la maggior parte delle persone ricoverate sono tra i 50 e i 69 anni, il 36%. Per quanto riguarda lo stato clinico il 68,6% è asintomatico, critico invece lo 0,6%.

Il tasso di ospedalizzazione settimanale è dello 0,99 per chi ha completato il ciclo vaccinale, del 3,11 per chi ha solo la prima dose e del 19,40 per i non vaccinati.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*