Lecce, ultima seduta dell’anno. Alla ripresa attesi gli acciaccati

Massimo Coda, attaccante del Lecce (foto P.Pinto)

LECCE (G. Serafino) – Ultimo allenamento dell’anno nel giorno di Santo Stefano per il Lecce. Mister Baroni, dopo la seduta mattutina, ha ordinato il rompete le righe per qualche giorno, mettendo così la parola fine al 2021 giallorosso. Un anno terminato non nel modo che tutti si attendevano: i numeri del covid, sempre più crescenti e che hanno interessato anche lo spogliatoio salentino, hanno stravolto i piani della Serie B e quello che doveva essere un tour del force di fine anno si è trasformato in giorni di riposo.

Appuntamento però solo rimandato perché dopo la sosta di Capodanno, il Lecce tornerà ad allenarsi il 2 gennaio quando si inizierà a pensare al tremendo mese di gennaio. Dal 13 gennaio, infatti, inizierà un ciclo tremendo: prima il recupero contro il Vicenza, poi – tre giorni dopo – la trasferta sul campo del Pordenone a chiudere il girone d’andata. Il weekend successivo la gara casalinga contro la Cremonese che aprirà il ritorno, ma prima la parentesi di Coppa Italia con il grande appuntamento degli ottavi di finale allo stadio Olimpico contro la Roma in programma giovedì 20 gennaio.

Insomma, i prossimi saranno giorni utili per ricaricare le pile, ma soprattutto per recuperare tutti gli effettivi a disposizione del tecnico. Il riferimento è innanzitutto ai due elementi positivi al coronavirus che si augurano di tornare arruolabili il prima possibile. Ma occhi puntati anche sui lungodegenti Tuia, Coda e Di Mariano. Il bomber ex Benevento, su tutti, è l’elemento che ha fatto sentire maggiormente la sua assenza nello scacchiere di Baroni e i suoi gol mancanti, sebbene rimpiazzati dalle marcature dei centrocampisti, hanno lasciato per larghi tratti l’attacco all’asciutto.

Fondamentale sarà valutare i tempi di recupero di ciascuno anche in ottica mercato, oramai prossimo ad aprire i battenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*