Omicidio Fasano, freddato in strada a 22 anni. Conferma dell’ergastolo per i due imputati

Il luogo dell'omicidio di Francesco Fasano

MELISSANO-Sono accusati di omicidio volontario per aver ucciso il 21enne di Melissano Francesco Fasano, freddato in strada con un colpo di pistola alla tempia il 25 luglio del 2018 sulla provinciale che da Melissano porta a Ugento.

Oggi la Corte d’Assise d’Appello di Lecce presieduta dal giudice Vincenzo Scardia ha confermato i due ergastoli per Daniele Manni di Casarano e Angelo Rizzo di Melissano. Secondo i giudici l’omicidio era stato premeditato e aggravato da motivi abietti e futili come la gestione del traffico di droga. Le indagini sul sanguinoso agguato maturato nella guerra tra clan in atto nei comuni dell’hinterland di Casarano erano state condotte dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Lecce.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*