Il Toro batte il San Giorgio e festeggia tre punti d’oro

Ac Nardò - San Giorgio, il gol di Fiorentino (foto di Walter Macorano)

NARDÒ – Il Nardò vince in rimonta lo scontro diretto contro il San Giorgio e balza in avanti sulla casella del 18 uscendo fuori dalla zona calda, lasciando a 14 punti in zona pericolosa gli avversari.

Una vittoria importantissima che mette il punto esclamativo sulla sedicesima giornata del Girone H del campionato di Serie D.

Dopo un primo tempo avaro di emozioni accade tutto nel secondo tempo ed i neretini passano dallo sconforto dello svantaggio che arriva al 60° grazie a Di Pietro che sfrutta una leggerezza difensiva e batte Petrarca.

A quel punto il Toro reagisce rabbiosamente e trova subito il pareggio, dopo 10 minuti con con Cristaldi ma a fare passare i titoli di coda sulla domenica perfetta arriva Fiorentino che al minuto 82 prende l’ascensore, lascia tutti a terra, e impatta di testa il corner battuto da Caputo e per Bellarosa non c’è nulla da fare. Due a uno, una gioia immensa e un balzo in avanti in classifica che significa ossigeno e ottimismo. Nel prossimo turno la squadra di De Candia va ad affrontare il Sorrento in trasferta che ha 21 punti in classifica.

IL TABELLINO

NARDÒ– SAN GIORGIO 2-1

NARDÒ (4-3-3): Petrarca; Trinchera, Porcaro (35’st. Cavaliere), Masetti, Dorini; Cancelli, Fiorentino, Van Ransbeeck (12’st. Caputo); Cristaldi, Mariano (35’st. Alfarano), Mancarella. A disp.: Centonze, Solimeno, Valzano, Mileto, Luciano, Gallo. All.: De Candia.

SAN GIORGIO (4-3-3): Bellarosa; Ruggiero, Cassese, Bertolo, Navas; Di Pietro (35’st. Raucci), Caprioli, Albano (17’st. Onesto); Landolfo (29’st. Di Franco), Varela, Mancini (12’st. Raiola). A disp.: Faustico, Bonfini, Improta, Ferraro, Greco. All.: Borrelli.

ARBITRO: Sig. Sassano di Padova.

MARCATORI: 15’st. Di Pietro (SG), 25’st. Cristaldi (N), 37’st. Fiorentino (N).

AMMONITI: Fiorentino, Porcaro e Masetti per Nardò; Landolfo, Mancini, Onesto e Di Pietro per San Giorgio.

NOTE: Angoli: 6-3 per Nardò. Minuti di recupero 1’pt. e 4’st..

M.C.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*