Covid, studenti al Rettore: “Un convegno per ascoltare tutte le posizioni”

LECCE- “Il silenzio della comunità accademica è divenuto a dir poco assordante, così come l’assenza di dibattiti tra le nostre aule”. Niente confronto, ascolto ed empatia secondo un gruppo di studenti di Unisalento ma anche docenti, lavoratori e attivisti della provincia di Lecce che in una lettera indirizzata al Magnifico Rettore Fabio Pollice e ai docenti di Unisalento chiedono l’organizzazione di un convegno pubblico per dibattere criticamente di quanto sta avvenendo oggigiorno in Italia “Ovvero- dicono i firmatari- dell’introduzione del cosiddetto “certificato verde” e dell’opportunità di servirsi di tale strumento alla luce delle evidenze scientifiche e del quadro giuridico preesistente”. Un dibattito dove i rappresentanti di tutte le posizioni, anche di chi si oppone al green pass, vengano ascoltate e nel quale vengano date delle risposte. “Chiediamo- dicono gli studenti- che ognuno possa avere la possibilità di esporre le preoccupazioni e i timori di quanti, come noi, hanno motivo di credere che i provvedimenti adottati dall’autorità stiano finendo per costituire un pericoloso precedente per la salvaguardia dei nostri diritti umani e costituzionali e di moderna democrazia pluralistica. Un confronto scientifico quello che chiedono gli studenti, tra personalità che possano anche dibattere di scienza, di statistica e di medicina con il più alto grado di cognizione. “Per il nostro Ateneo sarebbe un’occasione propizia per compiere un’operazione collettiva complessa, ossia per decostruire e ricostruire i termini e i ragionamenti legati a temi quali la letalità della malattia Covid-19; l’immunità naturale; l’origine delle varianti, la composizione dei vaccini”.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*