Pedopornografia: ex sacerdote 73enne arrestato a Brindisi

BRINDISI –Un ex sacerdote brindisino 73enne è stato arrestato dagli uomini della polizia postale perchè trovato in possesso di un ingente quantitativo materiale pedopornografico. Nel suo pc foto er video di minori coinvolti in atti sessuali L’uomo era già stato arrestato per gli stessi reati sei anni fa.

Già nel 2015 gli stessi poliziotti lo avevano tratto in arresto per pedopornografia. A finire nuovamente nei guai, un ex sacerdote brindisino 73enne. Le indagini hanno preso le mosse da una segnalazione che evidenziava un’attività online sospetta da parte di un utente connesso alla rete dal territorio italiano , e dall’attività di coordinamento svolta a livello nazionale dal servizio polizia postale e delle telecomunicazioni attraverso il centro nazionale di contrasto della pedopornografia. L’uomo individuato dopo lunghe e accurate indagini informatiche svolte dalla polizia postale, è stato sottoposto a perquisizione , su disposizione della Procura di Lecce. Perquisizione che purtroppo ha confermato i sospetti degli investigatori. L’ex prete, trovatisi di fronte i poliziotti, dopo aver aperto la porta della sua abitazione, ha tentato di nascondere un pc in un grosso contenitore di quelli adoperati per conservare l’olio, situato nel seminterrato della sua abitazione. Ma i rumori metallici prodotti dal goffo tentativo di eludere il controllo , non gli hanno lasciato scampo. I poliziotti sono riusciti ad evitare l’occultamento e la distruzione delle prove. All’interno dell’abitazione sono stati rinvenuti diversi dispositivi informatici e diverse componenti di una postazione completa di monitor, webcam, tastiera. Alcuni fogli scritti a penna riportanti account stranieri, probabilmente creati dall’indagato per mascherare la sua vera identità durante la navigazione sul web e verosimilmente utilizzati per procurarsi materiale pedopornografico. Alcuni di questi erano stati stracciati e gettati nel cestino della spazzatura. Nel corso della perquisizione è stato sequestrato un ingente quantitativo di immagini e video pedopornografici, che ritraggono prevalentemente minori intenti in atti sessualmente espliciti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*