Impianto sperimentale amianto, a Cavallino i cittadini chiedono controlli serrati

CAVALLINO- Dopo la notizia dello stop imposto dalla Provincia di Lecce all’impianto sperimentale di trattamento dell’amianto con il siero del latte, a causa della dispersione delle fibre d’amianto negli ambienti di lavoro, sale la preoccupazione dei cittadini. Il Comitato Salvaguardia Salute Cittadini Cavallino Castromediano, in prima linea nella battaglia per evitare la nascita del prototipo industriale, chiede più controlli.

“Trattandosi di un processo sperimentale (le cui fasi sono secretate) le cautele dovevano essere massime – commenta il portavoce Raffaele Colluto -. Noi abbiamo sempre partecipato alle conferenze dei servizi in Provincia sull’argomento e da sempre, con il supporto dei nostri tecnici, abbiamo esternato perplessità soprattutto sul fatto che il Ministero avesse autorizzato un impianto sperimentale, seppur di piccole dimensioni, in un area già pesantemente compromessa dal punto di vista ambientale, senza farlo passare da Valutazione di impatto ambientale. Nelle stesse conferenze dei servizi abbiamo ascoltato rappresentanti dell’azienda proponente e illustri professori universitari che ovviamente hanno garantito massima sicurezza, ma la sorpresa per noi è stata la totale assenza di interventi e argomentazioni da parte del nostro comune e del nostro il nostro ufficio tecnico. Cavallino poteva in quelle sedi dire la sua sugli aspetti di competenza, come ad esempio sugli aspetti urbanistici, salvo prestare quiescenza alla scia per poi annullarla; aspetti ambientali relativi alla salvaguardia del suo territorio; aspetti paesaggistici di eventuali ricadute nella tutela speciale del PPTR Puglia. Pertanto, poteva sostanziare e appoggiare ciò che hanno invece sostenuto altri Comuni. Ora, alla luce di tutto ciò che è accaduto e che sta accadendo, questo Comitato invita l’Amministrazione comunale ad essere soggetto attivo e proattivo e contestualmente riteniamo sia più che opportuno che si richieda l’intensificazione dei controlli per garantire sicurezza a tutto il territorio”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*