Baroni: “Prestazione soddisfacente, troppi errori per vincerla”

Marco Baroni, allenatore US Lecce

LECCE (di Carmen Tommasi) – Spettacolo doveva essere, tra i due migliori attacchi del campionato, e così è stato. Al “Via del Mare” tra Lecce e Ternana termina 3-3 dopo una gara combattuta, pimpante e volenterosa, seppure con tanti visibili errori da ambo le parti. A fine gara il tecnico Marco Baroni fa il punto sulla prestazione della sua squadra che ha provato a vincere la partita fino alla fine: “Ci sono molte cose positive, noi eravamo senza Coda e abbiamo fatto tre reti. Siamo stati bravi in attacco, Olivieri mi è piaciuto tantissimo e se avesse segnato sarebbe stato perfetto. La squadra ha giocato contro un avversario non facile, rapido in avanti  -ha detto il mister toscano- e bravo nelle verticalizzazioni. Attaccano sulla seconda palla. La prestazione mi ha soddisfatto, la squadra è viva sotto tanti punti di vista. Abbiamo commesso troppi errori per portare via la vittoria ma con un pizzico di fortuna in più potevamo trovare il quarto gol”.

SOSTITUZIONI TARDIVE? – Sui cambi da lui effettuati nel corso del match, invece, dice: “Abbiamo davanti Coda, Strefezza e Di Mariano che stanno facendo benissimo. Strefezza ha giocato bene, Olivieri ha tirato la profondità. Pablo è fondamentale e lo vogliamo far crescere in un percorso. Non è tanto il ruolo, lui è un giocatore che rompe, non gli chiedo di stare sull’esterno, è entrato bene come è entrato bene a Frosinone. Nell’arco di un campionato ci sarà il momento per lui dall’inizio. Non vedo nessuna problematica e sono contento di lui. So che vorrebbe giocare dall’inizio ma in questo momento lavoro su dei giocatori con determinati ruoli. Da un mese che lavoro su Olivieri centrale e Rodriguez esterno, non cambio le carte dopo una partita. Per me, quindi, è un non problema”.

FESTIVAL DEGLI ERRORI – In campo ci sono stati troppi errori da parte di entrambe le squadre. Quello più visibile, forse, è stato del portiere brasiliano Gabriel che ha mandato in gol Donnarumma: “Gabriel non deve chiedere scusa. Non devo dirgli nulla. Succede. È una mia responsabilità. È giusto che si senta sereno. Il portiere è una superiorità numerica e può sbagliare anche lui. Da questo punto di vista non devo dirgli niente. Ci siamo guardati e gli ho detto ‘da domani di più’. Lui ci aiuta in queste situazioni e sbagliare uno stop ci può stare, succede“.

L’ATTACCO – Della prestazione di Marco Olivieri, che ha giocato al posto dell’infortunato Massimo Coda, sembra molto soddisfatto: “Marco per me ha fatto bene, anzi si è fatto vedere molte volte. Non l’abbiamo cercato e nel secondo tempo ci ha offerto tante volte la profondità. Non è una giocata congeniale, quando c’è Coda si lavora in un certo modo, con Marco in un altro. Poteva fare tre reti, sa fare bene il suo movimento. Potevamo cercarlo di più, questo è un dato di fatto”.

LA RETROGUARDIA – Ci sono stati troppi svarioni difensivi, ma l’ex Reggina la vede così: “Il primo gol è emblematico. Loro buttano la palla in avanti e Barreca ha fatto scorrere la palla mentre noi non siamo stati veloci a legarci coi centrocampisti. Dobbiamo essere più bravi nell’arretrate. Nel terzo gol il calciatore si è girato e ha calciato bene. Loro hanno della qualità davanti, sanno andare in verticale e noi sapevamo che potevamo esporci a queste transizioni. Abbiamo fatto bene difensivamente per me. Sarà un paradosso ma ora voglio rivedere la partita per rivedere bene. Ritengo che ci siano stati più errori individuali”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*