Mobbing, stalking e violenza. Crescono le denunce, anche nei palazzi della Regione

BARI – Nel 2020 sono stati 2.349 i nuovi accessi ai Centri antiviolenza pugliesi; 290 in più dell’anno precedente. E’ quasi sempre il partner o l’ex partner, l’autore della violenza. Sono i dati che ci raccontano come il fenomeno sia in continua crescita.

La violenza prevalente è quella psicologica (44,9%), seguita da quella fisica (40,7%) e dallo stalking (6,4%). Il 68% delle donne si era già rivolto ai centri antiviolenza, il 39,3% ha poi denunciato.

Di questo si è parlato in Consiglio regionale per celebrare la Giornata contro la violenza sulle donne. Un problema che, a sorpresa, è stato detto, investe anche gli stessi palazzi della Regione: 85 casi sono stati registrati nei palazzi della giunta, 69 sono donne e 16 uomini. Nel palazzo del Consiglio i casi sono 13, 11 donne e 2 uomini.

Si denuncia di tutto: in giunta prevalgono le avance, gli apprezzamenti pesanti, il linguaggio scurrile ma in entrambi luoghi si parla anche di mobbing, stalking e comportamenti sessuali più pesanti. “Cosa hai provato?” è stato chiesto. La risposta: senso di impotenza, rabbia, desiderio di fuga.

Le conseguenze? Ansia, insicurezza, deterioramento de rapporto. Il 40% dei casi del Consiglio ricorso allo psicologo, il 31% alle cure farmacologiche. Solo il 23% dei casi in Consiglio ha denunciato a forze dell’ordine e sindacati, dato che scende al 9% in giunta. E quando è stato chiesto, invece, perché si è scelto di non denunciare. La risposta è stata “per evitare problemi sul lavoro“.

“Ho dato indirizzo – ha commentato il governatore Michele Emiliano – di dar vita ad un rafforzamento degli uffici che si occupano del clima e del benessere organizzativo. Serve qualche tecnico che di fronte a conflitti molto gravi, riesca a mediarlo tra superiori e dipendenti e tra i nostri dipendenti”.

I dati sono arrivati nel giorno della presentazione di due campagne di comunicazione contro la violenza volute dalla Presidenza del Consiglio e dall’Assessorato al Welfare. La prima, “Pari Pari – Parità la vittoria più bella” coinvolgerà i ragazzi sui social. Saranno autori, attraverso un contest, della campagna ufficiale che sarà poi adottata dal Consiglio regionale; “Si costruiscono le basi del futuro – ha detto la presidente del Consiglio, Loredana Capone – facendo riflettere i ragazzi ed educandoli al rispetto dell’altra persona, di qualunque genere essa sia”. l’altra promossa dall’assessorato al Welfare distribuirà in 1300 farmacie dispender e tessere con il 1522, il numero utile per chiedere aiuto 7 giorni su 7, 24 ore su 24. “Il problema è come l’uomo intende la donna e la poca autonomia della stessa – ha commentato l’assessore al Welfare Rosa Barone – ecco perché è molto importante l’aspetto del Reddito di Dignità. Abbiamo voluto prevedere l’accesso dedicato ad una parte di questo, alle donne vittime di violenza”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*