Eolico offshore, Cingolani: Ministero non ne sa nulla, pale andrebbero dopo le 12 miglia

LECCE- Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, apprende del progetto eolico offshore tra Otranto e Castro da uno scambio di messaggi con il consigliere regionale Paolo Pagliaro avvenuto durante il Talk di Telerama.

“Se è un’idea di progetto ovviamente il Ministero non può saperlo. Quando saranno aperte le aste – spiega il ministro – potranno essere proposti i progetti. Le commissioni valuteranno la Via (Valutazione di impatto ambientale, ndr) e la Paesaggistica. Secondo le regole standard”. Poi però aggiunge dell’altro, che entra nel merito dell’aspetto più controverso del mega impianto da un centinaio di pale alte 300 metri, per oltre 1 Gw di potenza, e da collocare nello specchio acqueo tra Porto Badisco e Castro ad una distanza minima di poco più di 9 km dalla linea di costa, tra l’altro quella del parco terrestre Otranto-Leuca. “Mi sembra impossibile sia a 10 chilometri – scrive Cingolani – le norme prevedono 12 miglia, che sono più di 16 km…quindi impossibile vederlo dalla costa”. A ciò Pagliaro ha replicato che si vedrebbe anche a 30 km vista la conformazione delle nostre coste.

Per il resto, Cingolani non ci si pronuncia, visto che non è avvenuto il deposito di alcun documento da parte della società Odra Energia, creata da Falck Renewable e BlueFloat Energy. Che, però, nelle vesti della società Kailia, hanno depositato l’1 ottobre scorso i primi studi relativi all’altro impianto gemello, quello tra San Cataldo, marina di Lecce, e Brindisi. E lì hanno già messo per iscritto che gli impatti paesaggistici saranno “alti”, anche a causa della vicinanza alla costa.

Intanto la mobilitazione si riaccende, in vista del sit in previsto per domenica 21 novembre a Porto Miggiano e organizzato dal Mrs. Non è secondario, tra l’altro, il rischio di una eventuale autorizzazione dell’uso delle acque ancor prima della valutazione del Ministero della Transizione Ecologica.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*