Incidenti mortali: provincia di Lecce seconda in classifica regionale. Allarme anche su strade cittadine

LECCE – In Puglia, secondo il rapporto ASSET, nel primo semestre del 2020 sono stati registrati 2.707 incidenti stradali, che hanno provocato 61 vittime e lesioni a 4.343 persone. Oltre un terzo sono avvenuti nella provincia di Bari; il 19% sono stati rilevati nella provincia di Lecce.

Il dato dei decessi attribuisce il primato al Barese, con il 24.8%, e posiziona al quarto posto la provincia di Lecce, con il 16.8%.

Nei primi 7 mesi di quest’anno il Leccese sale poi al secondo posto nell’amara classifica regionale: 12 i sinistri mortali conteggiati fino a luglio scorso. Il 2019 si era chiuso contandone 42 totali, il 2020 con 33.

A lanciare l’allarme, numeri alla mano, la sezione leccese di U.di.con (Unione a difesa dei Consumatori), che sul fenomeno ha istituito un osservatorio provinciale in collaborazione con i dirigenti scolastici, per portare la riflessione anche nelle scuole.

Il maggior numero degli incidenti mortali – prosegue il report – è stato rilevato sulle strade urbane che portano alle marine e sulle strade statali: SS274 (Gallipoli-Leuca), SS16 (Lecce-Otranto), SS101 (Lecce-Gallipoli).

Per quanto riguarda la città di Lecce, nel 2020, il report della Polizia Locale assegna la criticità alle strade tangenziali Est (24 incidenti) e Ovest (17 incidenti). Inoltre si registra un numero considerevole di incidenti sulle principali strade della città: 15 su viale Leopardi, 13 su viale dell’Università, 12 su viale Lo Re, viale Giovanni Paolo II e viale Rossini, 10 incidenti all’ingresso di Lecce.

In sintesi, nel primo semestre 2020 gli incidenti rilevati nella città sono stati 235, di cui 133 con feriti, 99 senza feriti, 2 incidenti mortali e 1 con ferito con prognosi riservata.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*