Un chilo e duecento grammi di cocaina ed oltre 20 mila euro in casa: tre arresti

COPERTINO-NARDO’    Blitz della Polizia nelle scorse ore : in tre finiscono in manette tra Nardò e Copertino. Sequestrato un chilo e duecento grammi di cocaina, quasi 10 di haschish ed oltre 20 mila euro in contanti.

Gli agenti della Squadra Mobile  li tenevano sott’occhio da un pò, e nelle scorse ore è scattato il blitz che ha portato all’arresto di Gianluca Calabrese 34enne della provincia di Lecce Cristian Roi 39enne e Damiano Ettore Orlando, 52enne, ritenuti responsabili di detenzione i fini di spaccio di sostanza stupefacente.
Dapprima gli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato di Nardò hanno individuato una Citroen C3 bianca uscire da una stradina di campagna buia, guidata da Calabrese. La perquisizione ha permesso di rinvenire, sul tappetino posto davanti al sedile del passeggero anteriore, un involucro  azzurro, con un toro disegnato al centro, con all’interno circa un chilo  e 200 grammi di cocaina. Scattati immediatamente ulteriori accertamenti si è scoperto che nella disponibilità dell’uomo tratto in arresto, risultava esserci un’auto, una Peugeot 3008 bianca, parcheggiata in casa di Damiano Ettore Orlando. Qui l’attività di osservazione, ha consentito di notare il sopraggiungere di una Fiat Panda, condotta da Cristian Roi. Quest’ultimo dopo essersi avvicinato alla Peugeot si è allontanato velocemente, per poi essere però poco dopo rintracciato dagli agenti che nel frattempo, nonostante le sue reticenze erano riusciti a farsi  consegnare da Orlando le chiavi della Pegeout, all’interno della quale sono stati rinvenuti 9 chili e mezzo di hashish, altri 534 grammi di cocaina, mezzo chilo di marijuana e un bilancino di precisione. Inoltre, all’interno di uno zaino  nero, depositato poco prima dal giovane giunto a bordo della Panda è stata rinvenuta e sequestrata la somma di 20.690 euro in banconote di vario taglio, probabile provento dell’attività di spaccio, mentre altri 150 Euro sono stati rinvenuti all’interno di un’ agenda. Per tutti e tre sono scattate le manette.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*