Gioia Bleve: “Che bello aver indossato la fascia da capitano. Dare sempre il massimo”

LECCE (di Carmen Tommasi) – Marco Bleve è cresciuto con la maglia giallorossa tatuata nel cuore e ha avuto la fortuna, dopo tanti sacrifici, di tornare ad indossarla dopo tanto tempo anche nella gara con il Brescia, nell’importante big match del “Rigamonti”, terminato 1-1, e in cui ha diviso con onore i colori giallorossi e a chi gli chiede le sue emozioni risponde così:  “Non sono un ragazzo che sente le emozioni quindi non c’è stata una sensazione diversa rispetto alle altre volte. Di certo non volevo deludere nessuno, venivamo -ha spiegato il portiere di San Cesareo, 26 anni- da una striscia di risultati utili consecutivi, sentivo un peso a livello di prestazione ma per fortuna è andata bene”.
IL MISTER – A fine gara, mister Marco Baroni si è complimentato con il portiere salentino: “I complimenti del mister mi hanno fatto tanto piacere, perchè dice sempre che pensa. A inizio non avevo letto nulla. Non mi fossilizzo sugli articoli e sui giornali”.
LA FASCIA – Nel corso della gara del “Rigamonti” capitan Fabio Lucioni si è fatto male ed è stato costretto al cambio e Marco Bleve ha indossato con orgoglio la fascia da campano: “Mi rende orgoglioso vestirla, è il sogno che qualsiasi bambino nato a Lecce vorrebbe esaudire. Avrei voluto finisse la partita con quella fascia Lucioni, è un giocatore importante per noi”.
RICORDANDO – Un idolo nel suo ruolo che ha giocato nel Lecce è sicuramente Antonio Rosati: “Mi è sempre piaciuto Rosati. Siamo amici e ci sentiamo. Non posso dimenticare Giacomazzi e Lepore, persone che hanno fatto un percorso indelebile in giallorosso”.
TRE PAREGGI – Nelle ultime tre gare, con Ascoli, Perugia e Brescia, il Lecce ha sempre pareggiato: “Quando in partite come quella di domenica passiamo in vantaggio, poi l’importante è non perdere. Veniamo da una serie di risultati consecutivi e dobbiamo continuare così. Lunedì abbiamo un banco di prova importante contro il Cosenza, una squadra rognosa ed ostica”.
DARE IL MASSIMO – A chi gli chiede, se metterebbe la firma per un pareggio nelle prossime due gare con Cosenza e Parma, entrambe in casa, risponde cosi:  “Noi dobbiamo scendere in campo sempre per fare la prestazione. Abbiamo già affrontato il Parma e abbiamo fatto una buona partita. Io cerco di allenarmi ogni giorno allo stesso modo, sempre pronto alla chiamata del mister. Il mister lo sa che io sono sempre a disposizione, seguo la sua linea. Perchè in passato ho lasciato il Lecce? Ero chiuso da due grandi portieri e volevo mettermi in gioco. Mettermi in gioco di nuovo era il mio desiderio e l’ho fatto, non mi importa se gioco o meno. I miei idoli in assoluto? A me piace giocare con i piedi, prendo spunto da Ederson e Tre Stegen. Quando si tratta di parare, bisogna parlare di Buffon”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*