Lecce, a Brescia solo un pari: a Dermaku risponde Bisoli

Kastriot Dermaku, 30 anni, difensore del Lecce (foto P. Pinto)

BRESCIA – Termina in pareggio, uno a uno, la gara valida per la decima giornata del campionato di serie B tra Brescia e Lecce giocata al “Rigamonti”.

Accade tutto nel secondo tempo; dopo un buon primo tempo dei salentini, con un legno colpito da Strefezza, i padroni di casa entrano più motivati in campo ma Bleve ci mette del suo, conserva il risultato e al minuto 81 il Lecce sblocca la gara con Dermaku entrato al posto di Lucioni infortunato.

I salentini sentono già l’odore della vittoria ma al minuto 87 però arriva il pareggio del Brescia con capitan Bisoli.

Le rondinelle salgono a 18 punti, il Lecce a 17 portando a 9 la striscia di risultati utili consecutivi.

Nota positiva per i salentini il ritorno in campo di Dermaku anche se ci sarà (nelle prossime ore) da valutare l’infortunio di Lucioni.

PRIMO TEMPO – Filippo Inzaghi deve fare a meno di Ayè, Léris e Labojko fermi ai box e perde Joronen nell’allenamento di rifinitura e con il 4-3-3 manda in campo Perilli; Mateju, Cistana, Chancellor, Pajac; Bisoli, Van de Looi, Bertagnoli; Tramoni, Moreo, Jagiello. Un modulo che potrebbe trasformarsi in 4-3-2-1 con Moreo terminale offensivo con Tramoni e Jagiello qualche metro dietro.

Marco Baroni non può contare su Tuia, Gallo, Helgason e Paganini e non rischia nemmeno Gabriel acciaccato e nel suo 4-3-3 schiera Bleve; Gendrey, Meccariello, Lucioni, Barreca; Majer, Hjulmand, Gargiulo; Strefezza, Coda, Di Mariano. Debutto stagionale per Marco Bleve.

Curiosità: mancano entrambi i portieri titolari.

Dopo appena 40 secondi Barreca viaggia sulla fascia la mette in mezzo e Strefezza si rende pericoloso ma Chancellor si salva in corner; sugli sviluppi nulla di fatto, ma il Lecce continua ad attaccare.

Al 4° il Brescia si porta in avanti e Pajac ci prova da fuori senza fortuna.

Al 6° Lecce vicino al gol: tiro a giro da fuori area di Strefezza con il pallone che si stampa sulla traversa.

Al 17° Di Mariano mette il turbo entra in area, gioca un buon pallone, poi serve Strefezza che di testa mette i brividi al Brescia ma Pajac evita il peggio.

Al 29° Hjulmand serve Coda che prova il tiro da fuori ma la conclusione è lenta e centrale.

Al 30° leggerezza di Perilli che sbaglia il rinvio coi piedi, palla tra i piedi di Coda che calcia ma la sfera è deviata in corner; sugli sviluppi calcia Majer, libere il Brescia.

Meglio gli ospiti dei padroni di casa che sono molto attenti nella fese difensiva e pungono sulle catene.

Al 35° ci prova ancora Strefezza ma la sfera calciata da fuori area, termina sui cartelloni.

Al 41° Strefezza cede la palla a Coda che calcia in porta ma Perilli para a terra.

Al 43° palla gol per il Lecce: Strefezza impegna Perilli che con molta fortuna devia in angolo; batte Majer ma la palla carambola fuori area.

I salentini chiudono in avanti. A

Al 45° Strefezza con il contagiri sulla testa di Coda che impegna severamente Perilli che devia in angolo.

Termina così il primo tempo senza nessun gol.

SECONDO TEMPO – Si ricomincia con gli stesso uomini del primo tempo, nessun cambio ad inizio ripresa.

Al 49° doppio Bleve: prima esce coi pugni su Tramoni e poi devia in acrobazia la conclusione di Bertagnoli.

I padroni di casa rispetto al primo tempo sono molto più propositivi e crescono col passare dei minuti.

Al 53° Bleve manda in corner un tiro di Bisoli. Batte Pajac, Chancellor impatta di testa ma la sfera termina fuori.

Al minuto 63 cambio nel Brescia: fuori Jagiello dentro El Trenza Palacio.

Al 67° Brescia pericoloso, Bleve sbaglia l’uscita ma c’è Meccariello che allontana il pericolo in corner, sugli sviluppi Bisoli calcia a colpo sicuro ma Bleve con i piedi compie un miracolo.

Al 70° il Lecce ottiene un corner su una conclusione di Gargiulo; dalla bandierina Majer ma Perilli in presa alta fa sua la sfera.

Al 73° doppio cambio per Inzaghi: fuori Tramoni e Moreo dentro Spalek e Bajic.

Al 75° si fa male capitan Lucioni che chiede il cambio; al suo posto entra Dermaku. E al 76° dentro anche Bjorkengren fuori Majer.

Al 79° Cistana mette in difficoltà il portiere e il suo tocco manda in corner la sfera diretta a Di Mariano.

Batte Strefezza, colpo di testa di Coda, palla che sguscia fuori, sulla sinistra, arriva Barreca, crossa in mezzo e Dermaku prende l’ascensore e di testa sblocca la gara.

Al minuto 83 altri due cambi per Inzaghi: dentro Olzer fuori Bertagnoli e Karacic entra al posto di Mateju.

Al minuto 85 giallo per Hjulmand e cambio nel Lecce: esce Di Mariano ed entra Olivieri.

Passano appena due minuti e il Brescia pareggia: Chancellor colpisce il palo, sfera a Bisoli e di destro pareggia i conti.

Cuore e batticuore: parte Coda e la mette dentro con un tocco morbido ma il gol è annullato per fuorigioco. Controllo in sala video, fuorigioco confermato.

Al minuto 89° Olzer serve Spalek che di testa manda di poco fuori, brivido per il Lecce.

Sono 4 i minuti di recupero. E nel primo arriva un cartellino rosso per un componente della panchina salentina.

Non accade più nulla e termina in pareggio.

Il Lecce spreca una buona occasione per saltare al secondo posto.

IL TABELLINO

BRESCIA – LECCE 1-1

BRESCIA (4-3-3): Perilli; Mateju (83°Karacic), Cistana, Chancellor, Pajac; Bertagnoli (83° Olzer), Van de Looi, Bisoli; Jagiello (63° Palacio), Moreo (73° Bajic), Tramoni (73° Spalek) A disposizione: Joronen, Linner, Mangraviti, Huard, Cavion, Andreoni, Papetti. Allenatore: Filippo Inzaghi.

LECCE (4-3-3): Bleve; Gendrey, Meccariello, Lucioni (76° Dermaku), Barreca; Majer (76° Bjorkengre), Hjulmand, Gargiulo; Strefezza, Coda, Di Mariano (85° Olivieri). A disposizione: Borbei, Gabriel, Vera, Bjarnason, Listkowsi, Blin, Calabresi, Rodriguez. Allenatore: Marco Baroni

ARBITRO: sig. Massimiliano Irrati di Pistoia

ASSISTENTI: sig. Emanuele Prenna di Molfetta e sig. Luca Mondin di Treviso; IV uomo sig. Fiuseppe Collu di Cagliari. In sala video sig. Lorenzo Maggioni di Lecco (VAR), e sig. Salvatore Affatato di Vco (AVAR)

MARCATORI: 81° Dermaku (L), 87° Bisoli (B)

AMMONITI: Hjulmand

 

 

M.C.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*