Lecce, Baroni: “Serve una partita di alto livello e non conservativa”

Marco Baroni, 58 anni, allenatore del Brescia

LECCE – (t.d.g.) Il Lecce è partito per Brescia dove sarà di scena giovedì (ore 18) al Rigamonti. Il tecnico Baroni ha convocato 22 giocatori tra i quali anche il portiere Borbei. Sono rimasti a casa Tuia, Gallo, Helgason e Paganini. Nella lista sono presenti Gabriel e Strefezza, la cui presenza in campo non è certa. “Gabriel vedremo – ha detto l’allenatore giallorosso -, ha un leggero ematoma, dovremo valutarlo. Mentre per quanto riguarda Tuia, sta bene, però abbiamo deciso di dargli ancora un po’ di recupero”. La formazione leccese arriva a Brescia con un distacco di un solo punto dalla squadra allenata da Pippo Inzaghi. “Non sono concentrato sulla classifica, ma sulla prestazione. Questa di Brescia è la partita bella, perfetta. Il Brescia ha fatto una bellissima prestazione con la Cremonese, lo troviamo in grande fiducia. Ci sarà da fare una gara di altissimo livello, lo sappiamo e siamo pronti”.

Quella con il Perugia è stata archiviata senza subire gol. È la quarta volta che accade in questo campionato. “Io non sono attento a non subire, lo sono di più a produrre. Nell’ultima partita abbiamo fatto 51 ingressi in area avversaria mentre a loro ne abbiamo concesso solo 15. Quindi per me la fase difensiva è figlia della fase offensiva, dell’equilibrio, della compattezza. Il nostro avversario ha valori fisici e tecnici importanti, però noi vogliamo misurarci con questo avversario. Sarà sicuramente una partita bella e non possiamo pensare di fare una gara conservativa. Ci dobbiamo mettere voglia, determinazione, coraggio”.

Al termine della sfida con gli umbri Baroni aveva annunciato la possibile presenza dal primo minuto dei giocatori schierati nel secondo tempo. “Ho deciso in questo modo perché Strefezza aveva un problemino, che si è portato dietro. Poi c’era la gestione di Di Mariano e ho voluto dare un segnale anche a Massimo (Coda. ndc). Non si può pensare di fare un campionato ambizioso, di alto livello con dieci, dodici calciatori. La mia fiducia, ma anche dei compagni di squadra è totale nei confronti di questi ragazzi”.

Nel reparto mediano, invece, non dovrebbe esserci alcun avvicendamento. “Credo più a partita in corso. Majer e Gargiulo sono quelli che hanno corso di più e questo per noi sono anche un valore, che ci aiutano a tenere quegli equilibri che ci servono”. Tra gli aspetti da migliorare anche quello delle conclusioni in porta. Se ne contano meno che in allenamento. In difesa, infine, tutti confermati, ad eccezione di Tuia. Al suo posto dovrebbe giocare Meccariello. Sulle fasce, invece, confermati Barreca a sinistra e, probabilmente, Gendrey a destra. Il francese sta interpretando molto bene quello che chiede Baroni. “Per quanto riguarda gli esterni c’è un dispendio di energia importante. Io chiedo sempre, sul cambio fronte, la salita del terzino, anche se non riceve il pallone. Ci serve quell’entrata”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*