Iliev risponde a Strefezza, Ascoli–Lecce 1-1

ASCOLI – Il Lecce allunga la striscia positiva a sette risultati utili consecutivi ma deve accontentarsi del pareggio al Del Duca di Ascoli. Termina uno a uno con i gol di Strefezza nel primo tempo e il pareggio di Iliev nella seconda metà della gara.

Sono in totale 4390 gli spettatori, di cui 482 ospiti, che si godono dal vivo lo spettacolo di una bellissima partita in cui non sono mancate le emozioni da una parte e dall’altra.

Un primo tempo di marca giallorossa con l’Ascoli che non riesce a riprendersi dopo il gol di Strefezza ma un secondo in cui Sabiri entra e sconvolge gli avversari dettando i suoi ritmi ed Iliev che incide immediatamente e pareggia.

Coda ha sui piedi il gol della vittoria ma Leali, il portiere dell’Ascoli, tra i migliori in campo, si supera e compie un miracolo.

Al fischio finale un punto a testa.

I salentini salgono a 15 punti, i marchigiani a 14, in virtù dello stop del Pisa che ha perso a Crotone per 2 a 1, il Lecce va al secondo posto a 4 lunghezze raggiungendo momentaneamente la Cremonese che domani farà visita al Benevento.

Sabato alle 14 la squadra di Baroni ospiterà il Perugia, mentre l’Ascoli farà visita alle 16:15 sempre sabato 23 ottobre al Frosinone.

PRIMO TEMPO – Sottil che deve fare a meno dell’infortunato Lukas Spendlhofer e dello squalificato Marcel Buchel, fa partire il greco Avlonitis non ancora al meglio e con il 4-3-1-2 schiera Leali; Salvi, Botteghin, Quaranta, Felicioli; Caligara, Eramo, Saric; Maistro; Dionisi, Bidaoui

Baroni senza Gallo e Bjarnason, oltre a Benzar e Pisacane, fedele al suo 4-3-3 sceglie Gabriel; Gendrey, Tuia, Lucioni, Barreca; Helgason, Hjulmand, Gargiulo; Strefezza, Coda, Di Mariano. Sorpresa Helgason rispetto alle previsioni della vigilia.

Arbitra il sig. Federico Dionisi de L’Aquila.

Il Lecce parte con un buon piglio e fa la partita ma l’Ascoli è ben messo in campo e cerca la via della veloce ripartenza.

Al 4° grande giocata di Coda in area marchigiana, sombrero su Botteghin e Quaranta, poi scivola, l’arbitro fischia un fallo in attacco.

Al 6° Gabriel col piede allontana un pallone insidioso.

Al 7° si sblocca la partita: Barreca crossa col contagiri per Strefezza che arriva e schiaccia di testa nella porta avversaria. Lecce in vantaggio.

 I padroni di casa provano la reazione ma i salentini occupano bene ogni zona del campo e con equilibrio si muovono ad elastico tra le due fasi ed i centrocampisti accorciano bene su ogni maglia bianconera.

Al 16° buona azione del Lecce, Coda, Strefezza che mette in mezzo per Di Mariano che schiaccia in mezza rovesciata ma Leali si oppone bene.

Al 17° si fa male Felicioli che si accascia a terra per un problema muscolare. Al suo posto entra D’Orazio (al 18°).

Al 20° Quaranta atterra Gargiulo sulla trequarti, punizione per il Lecce; batte Helgason, batti e ribatti, i salentini rimangono in attacco ma poi i bianconeri liberano.

Al 21° Coda, servito da Helgason, si rende pericoloso con un tiro dall’esterno, palla di poco fuori.

Al 27° prima vera conclusione dell’Ascoli: Maistro ci prova da fuori ma Gabriel blocca senza problemi.

Al 28° Gendrey se ne va a destra, serve Strefezza che calcia ma la sfera è deviata in corner. Nulla di fatto sugli sviluppi.

Al 29° Saric spinge Barreca, punizione dai 25 metri per il Lecce. Batte Barreca, fallo in attacco, punizione per l’Ascoli.

Al 30° giallo per Coda per un fallo su Saric.

Al 31° ripartenza di Di Mariano ma Eramo lo stende, giallo per lui.

Al 33° primo corner per l’Ascoli: Caligara mette in mezzo ma Lucioni devia. Sugli sviluppi allontana il Lecce.

Buon momento per la squadra di Sottil che però non trova il pertugio giusto tra le strette maglie giallorosse.

Al 42° Maistro calcia una punizione per un fallo che lui ha subito da Strefezza, mette la sfera in area, Gabriel in uscita travolge tutti, palla in corner. Batte Maistro per l’accorrente Salvi che incorna ma Gabriel fa sua la sfera.

Due minuti di recupero. Nel secondo minuto giallo per Gendrey per un fallo su Maistro e punizione da ottima posizione ma a trenta metri dalla porta. Calcia Dionisi ma la palla si spegne sul fondo e si va negli spogliatoi con il vantaggio del Lecce grazie al gol di Strefezza.

SECONDO TEMPO – Il Lecce rientra in campo con Blin al posto di Helgason. Nessun cambio per i bianconeri.

 Al 50° Saric ammonito per un fallo su Strefezza.

Al 53° Lecce vicino al raddoppio, Di Mariano calcia a giro e costringe Leali alla grande parata.

Al 57° doppio cambio per Sottil: dentro Fabbrini e Sabiri per Maistro e Saric.

Al 60° Ascoli pericolo; buona l’azione di Bidaoui che se ne va sul fondo cerca di servire Caligara che però cincischia e non riesce a incidere.

Al 65° Ascoli vicino al pareggio con Sabiri che di testa colpisce la traversa.

Subito dopo ci prova Fabbrini ma Gabriel para.

I bianconeri accelerano, vogliono il pareggio, sono nervosi.

Al 68° Bidaoui impegna Gabriel.

Il Lecce in debito di ossigeno, rifiata un po’, contiene ma non riesce ad uscire come prima e si arrocca nella propria metà campo.

Al 69° Hjulmand salva la porta allontanando una palla vagante arrivata su un corner. Sabiri ha spostato gli equilibri della gara.

Al 70° Di Mariano si mette in proprio, ara tutto il campo, entra in area ma Eramo lo chiude e lo spinge oltre il fondo.

Al minuto 71 doppio cambio nell’Ascoli: dentro Iliev e Baschirotto per Eramo e Salvi.

Al 73° giallo per Bidaoui per un fallo su Strefezza.

Al 74° arriva il pareggio dell’Ascoli: Iliev con gran sinistro in diagonale batte Gabriel.

 Il Lecce si riversa in avanti ma Leali al 75° interviene su un pallone gettato in avanti che poteva diventare velenoso.

Al 77° punizione di Sabiri, palla di poco alta sopra la traversa.

Al 78° doppio cambio nel Lecce: fuori Di Mariano e Strefezza, dentro Rodriguez e Olivieri.

Al minuto 80 Iliev va giù in area di rigore ma il fallo è suo su Tuia.

Subito dopo giallo per Gargiulo.

Al minuto 82 Coda, servito da Olivieri, a tu per tu con Leali sbaglia, para il portiere.

Al minuto 87 giallo per Sabiri per un fallo tattico su Rodriguez.

Al minuto 88 Sabiri commette un brutto fallo su Blin, punizione dal limite dell’area per il Lecce.

Sul pallone Coda ma Leali compie un miracolo e Hjulmand sulla ribattuta manda alle stelle.

Tre minuti di recupero.

Ascoli in avanti, Sabiri indiavolato trova un corner nel primo minuto, lo batte lui, nulla di fatto.

Contropiede del Lecce, Fabbrini commette fallo su Rodriguez, giallo per lui.

Calcia la punizione Hjulmand, palla in mezzo, la prende Leali.

Il Lecce chiude in avanti ma termina 1 a 1. Un punto a testa. Pareggio pressoché giusto. Primo tempo di marca salentina, nella ripresa Sabiri e Iliev spostano gli equilibri della gara.

 

IL TABELLINO

ASCOLI – LECCE 1-1

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Salvi (71° Baschirotto), Botteghin, Quaranta, Felicioli (18° D’Orazio); Caligara, Eramo (71° Iliev), Saric (57° Sabiri); Maistro (57° Fabbrini); Dionisi, Bidaoui. A disp. Guarna, Tavcar, Castorani, Collocolo, Donis, Avlonitis, De Paoli. All. Sottil

LECCE (4-3-3): Gabriel; Gendrey, Tuia, Lucioni, Barreca; Helgason (46° Blin), Hjulmand, Gargiulo; Strefezza (78° Rodriguez), Coda, Di Mariano (78° Olivieri). A disp. Bleve, Vera, Meccariello, Paganini, Listkowski, Bjorkengren, Calbresi, Majer, Dermaku. All. Baroni

ARBITRO: sig. Federico Dionisi de L’Aquila

 ASSISTENTI: sig. Sergio Ranghetti di Chiari e sig. Davide Miele di Torino. IV Ufficiale sig. William Villa di Rimini. In sala video VAR il sig. Livio Marinelli di Tivoli, AVAR il sig. Dario Cecconi di Empoli.

MARCATORI: 7° Strefezza (L), 74° Iliev (A)

AMMONITI: 30° Coda (L), 31° Eramo (A), 45°+2 Gendrey (L), 50° Saric (Strefezza), 73° Bidaoui (A), 80° Gargiulo (L), 87° Sabiri (A), 90° + 1 Fabbrini (A)

NOTE: 4390 spettatori per un incasso di 52963 euro

M.C.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*