Attualità

Turismo, grandi numeri con l’ombra del caporalato

SALENTO- “Tutti gli indicatori all’unanimità hanno conclamato flussi turistici da record nei mesi centrali dell’estate nel salento: il calo nelle presenze straniere è stato abbondantemente compensato da un flusso di ritorno dei turisti autoctoni, causa pandemia. Ad una fase che termina tra le luci, si affianca però quella delle ombre, continue, indefinite, mai risolte”. Così la Cgil di Lecce e il suo sindacato di categoria, la Filcams per la quale il settore continua ad evidenziare limiti storici, sul nostro territorio: tra questi le carenze nell’offerta dei servizi, vecchi vizi sull’applicazione dei contratti per i dipendenti. In particolar modo quest’anno – dicono dal sindacato- è emersa la questione della difficoltà, a detta delle associazioni datoriali, di reperire forza lavoro: il tema è centrale ed esiste oggettivamente. Riteniamo però che la vera causa della riottosità nell’accettare un lavoro stagionale non sia preferire il reddito di cittadinanza al lavoro, ma preferirlo ad una paga non rispettosa né dei contratti né della normativa ad essi collegata. Il turismo è un segmento economico dove, spesso, si annidano forme subdole di caporalato”.

 

Articoli correlati

Zes, Fitto: “Polemiche sterili, i fatti dimostrano che la misura è un successo”

Isabel Tramacere

Protesta contro l’Arneo: le associazioni incontrano il sindaco di Brindisi

Andrea Contaldi

Smontaggio della pista ciclabile a Brindisi: la soddisfazione delle associazioni

Andrea Contaldi

Porto di Frigole e Darsena di San Cataldo, accelerata per la riapertura entro agosto

Isabel Tramacere

Carenze ospedale Gallipoli, Pagliaro: riscontro sconfortante in Commissione Sanità

Redazione

Il sindaco di Lecce nella Capitale: incontro con i ministri Fitto, Sangiuliano e Valditara

Redazione