16 morti bianche in 9 mesi, sindacati lanciano la mobilitazione generale

LECCE- Sedici morti bianche in questi primi nove mesi del 2021. Un bilancio drammatico, aggravato dal numero di giovani vittime decedute in estate al rientro dal lavoro. “Non siamo disposti a pagare questo prezzo alla ripresa economica post-pandemia”, commentano i sindacati confederali leccesi, per i quali si tratta di una “mattanza senza fine”. Si dicono pronti alla mobilitazione generale, dopo il terzo decesso in pochi giorni, a Tricase, successivo a quelli di Celtahiri Flamur a Mancaversa e di Fabio Sicuro a Palmariggi.

La notizia dell’ennesimo lutto è arrivata mentre le segreterie confederali dei tre sindacati erano riunite per affrontare il tema della sicurezza e della salute sul posto di lavoro. Cgil, Cisl e Uil hanno annunciato l’intenzione di lanciare una serie di assemblee sul territorio e di organizzare una manifestazione nei prossimi giorni sotto la Prefettura, per investire del tema l’ufficio territoriale del governo e per il suo tramite anche le parti datoriali e istituzionali che hanno un ruolo nella diffusione della cultura della sicurezza sul lavoro. “Morti e incidenti gravi sul lavoro, rispettando le norme sulla sicurezza del lavoro, possono essere ridotti in maniera sensibile”, aggiungono le organizzazioni sindacali.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*