Rogo in una palazzina, famiglia intrappolata dentro. Ustionato un uomo

LECCE – Prima il cortocircuito mentre gli inquilini erano già a letto. Pochi minuti e le lingue di fuoco hanno letteralmente invaso il piano terra di una palazzina in via Mario Nacci a Lecce. Una notte di terrore quella vissuta da due famiglie residenti nell’immobile avvolto dalle fiamme, probabilmente a causa di un cortocircuito partito da un elettrodomestico dell’abitazione al piano terra.

Qui vive un 34enne, originario dello Sri Lanka, che ha riportato ustioni agli arti superiori ed è stato subito soccorso e trasportato al Fazzi, in attesa che al Centro Grandi Ustioni del Perrino di Brindisi si liberasse un posto letto, in quel momento non disponibile.

Illese le altre due famiglie residenti al primo piano. La prima, composta da tre persone, è riuscita ad abbandonare l’abitazione autonomamente. La seconda, notando l’androne di ingresso dell’appartamento letteralmente invaso dal fumo e dal fuoco, si è rifugiata sul terrazzo. A liberarla sono stati i vigili del Fuoco del Comando Provinciale tempestivamente giunti sul posto, insieme a polizia e 118. Terrorizzati gli inquilini si sono dunque riversati per strada, non potendo più fare ritorno a casa. Qui ad assisterli i sanitari, le Forze dell’Ordine e il vicinato, allertato dal fumo e dalle sirene.

L’immobile ha riportato danni strutturali, oltre che alle pareti e alla mobilia. Per questo è stato dichiarato inagibile. Le condizioni del 34enne ustionato sono stabili. Non è in pericolo di vita.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*