Baia Verde, lettera al Prefetto dei residenti: risse e schiamazzi, servono controlli

randstad 1

GALLIPOLI-Residenti esasperati a Baia Verde: schiamazzi notturni e risse come ogni anno rendono difficile la vita a chi vorrebbe trascorrere delle vacanze tranquille. Un problema che si ripete con l’arrivo di ondate di turisti , spesso giovanissimi, che frequentano una delle zone più gettonate della città bella.

Proprio dai residenti è partita una lettera inviata al Prefetto di Lecce Maria Rosa Trio e con la quale si chiede, ancora una volta, di intervenire sul fronte dei controlli. “Egr. Prefetto, Spett.Li Autorità- si legge nella lettera a firma della giornalista Maria Pia Romano, rsidente a Baia Verde-  i proclami non servono, ci vogliono i fatti. In Baia Verde a Gallipoli dai primi di luglio la notte è impossibile dormire. Quando i cittadini chiamano per risse, schiamazzi o altro le Forze dell’Ordine, si sentono rispondere che c’è un solo mezzo già impegnato in altra attività. Succede abitualmente ed è successo anche la notte scorsa. Se il turismo è quello che colloca otto ragazzi in un locale commerciale adibito ad abitazione, 30mq ed un solo bagno, come accade in alcuni residence, non è quello che fa bene alla Città di Gallipoli. Poco possono fare gli amministratori di condominio e le agenzie, ancor meno faranno i signori che affittano a nero e sono tanti.

Urgono controlli effettivi da mezzanotte alle 6 del mattino- dicono i residenti- alle 7 è già tutto finito, perché è a quell’ora che comincia la calma”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*