Olivieri promette: “In campo darò sempre il 100%”

Pantaleo Corvino Dir. Area Tecnica US Lecce, Marco Olivieri attaccante US Lecce
LECCE – Marco Olivieri sorride ed è sempre più convinto di aver scelto il Lecce. L’esterno offensivo, classe 1999, di proprietà della Juventus e nell’ultimo anno in prestito all’Empoli, è arrivato nel Salento a titolo temporaneo con diritto ed obbligo di riscatto. È il direttore Pantaleo Corvino a presentare con orgoglio il neo-arrivato: “Marco è un esterno offensivo perfettamente funzionale al modulo di gioco sul quale abbiamo voluto basare il progetto con  mister Baroni. Puntiamo su di lui perché è funzionale a ciò di cui necessitiamo”.
Nell’ultima stagione sportiva ha vestito la degli azzurri collezionando 31 presenze e 6 reti tra Campionato e Coppa Italia. Il neo giallorosso si presenta così: “Con l’Empoli è stato deciso che era meglio fare un altro anno in Serie B. Quando è arrivata la chiamata del Lecce, non ho esitato a dire di sì. Credo che, questa, sia la scelta giusta. Quella migliore per la mia carriera, voglio mettermi a disposizione del mister ed iniziare a lavorare con i compagni”.
Un messaggio, poi, per i caldi tifosi salentini: “Mi piacciono molto le piazze calde, ma serve tempo e lavoro per raggiungere gli obiettivi come la promozione in serie A. Avere supporto di tifoserie, come quella del Lecce. è esaltante. Spinge, un giocatore a dare di più ed è bellissimo”.
Olivieri parla anche della sua esperienza passata nella Juventus: “Quella  stagione nella Juventus è stata per me molto significativa, mi ha dato tantissimo dal punto di vista dell’esperienza ed ho cercato di trarre il massimo da ognuno dei miei compagni. Il treno perso? Diciamo che la mia carriera è iniziata adesso,  da due-tre anni. Anni in cui ho cercato di raccogliere il massimo. Sono soltanto all’inizio”.
La prossima serie B sarà sempre più competitiva: “Credo sarà un’annata diversa rispetto ad un anno fa. Ci saranno cinque big circa pronte a giocarsi il primo posto, poi magari la classica sorpresa pronta ad inserirsi”.
Infine, descrive anche del suo ruolo e della caratteristiche tecniche: “Nasco come esterno, poi ho giocato come seconda punta l’anno scorso ma è stato un adattarsi rispetto alla mia posizione principale e naturale. Sono un esterno a cui piace attaccare le difese dalle spalle. Ho una buona forza e che punta sul rientrare e calciare con il piede forte. Sul dribbling devo certamente lavorare. Voglio migliorare su tutto”.
Carmen Tommasi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*