Ztl, pass quasi dimezzati: effetto nuovo regolamento per dare respiro al centro storico

LECCE – In termini di riduzione della presenza delle automobili nella Ztl leccese, corrispondente alla città antica, il nuovo Regolamento per l’accesso e la circolazione dei veicoli omincia a produrre i suoi effetti.

Le nuove regole hanno apportato modifiche, lo ricordiamo, alle fasce orarie di accesso, le categorie di aventi diritto al pass e, per alcune di esse, anche le modalità di accesso alla Ztl.

In cosa si traduca la rivoluzione urbana, in termini di numeri, è stato illustrato nelle scorse ore nell’open space di Palazzo Carafa.

Ad oggi sono in tutto 3.910 i pass rilasciati ai sensi del nuovo Regolamento. L’ultima rilevazione prima della sua entrata in vigore segnalava un numero di pass di 6.279. Con uno scarto, dunque, di 2.369 pass concessi in meno.

I pass rilasciati possono avere validità permanente (fino alla validità dei requisiti e comunque non oltre 5 anni), temporanea (non oltre 90 giorni) o giornaliera. Più nel dettaglio il numero dei pass permanenti (rilasciati a residenti e dimoranti, ai quali è consentita la sosta su strada) si attesta a 1.565, al posto dei precedenti 3.174 (rilasciati a residenti, affittuari non residenti e possessori di posto auto).

Sempre con il nuovo regolamento stati rilasciati anche 175 pass ai residenti possessori di garage o posti auto su area privata e 85 pass ai non residenti, con gli stessi titoli. Si tratta di un dato significativo, dacché prima dell’entrata in vigore del nuovo regolamento, alla categoria “titolari di posto auto” (che comprendeva residenti e non) erano assegnati solo 67 pass. Si è dunque verificato un fenomeno significativo di ‘emersione’ di garage e posti auto privati, prima non associati a permessi di accesso e transito in Ztl.

La differenza sta nel fatto che la precedente autorizzazione non obbligava il titolare del pass a parcheggiare l’auto in garage, andando a consentire anche la sosta su strada, contribuendo così all’affollamento delle piazzette storiche.

Rispetto al precedente regolamento, infine, non sono più titolati alla richiesta del pass per i loro mezzi privati gli amministratori comunali (erano 32), i giornalisti (erano 30), i titolari di studi professionali non proprietari di immobili (erano 29), come avviene per tutte le altre categorie di lavoratori che prestano la loro opera nel centro storico.

Non sono automaticamente titolati alla richiesta del pass i proprietari di auto elettriche (erano 37), per ragioni – spiegano dal Comune – di carenza di posti auto su strada nel centro storico di Lecce, la cui disponibilità resta limitata al di là di quale sia il sistema di alimentazione della vettura.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*