Cronaca

Incendi, danneggiamenti e furti in città: arrestato 36enne pakistano

LECCE- Danneggiamenti di auto, incendi, violazione di domicilio: diversi gli episodi che hanno portato gli uomini della Questura a notificare un ordine d’arresto a Adnan Ibrahim, cittadino 36enne pakistano senza fissa dimora e attualmente in carcere per tentato furto. Gli episodi sono avvenuti prevalentemente nella zona della Stazione Ferroviaria, tra aprile e maggio.

In via di Ussano il 36enne ha scagliato una pietra contro un’auto; in viale Oronzo Quarta ha dato fuoco ad una serie di cassonetti provocando anche il danneggiamento di una cabina dell’Enel; all’interno della Stazione Ferroviaria ha appiccato un incendio all’edicola; in via Adriatica è stato bloccato da alcuni cittadini con un accendino in mano mentre tentava di appiccare un incendio alle sterpaglie nel campo del Parco di Rauccio. Ha rubato inoltre delle bottiglie di superalcolici dall’interno della struttura ricettiva “ Parco dei Divertimenti” in via Monticelli a Lecce e ha danneggiato la cassetta postale di un condominio di via Foscarini sradicandola dal muro e lanciando per aria il materiale pubblicitario presente all’interno.

L’uomo si trovava già in carcere dopo l’ arresto in flagranza di reato per tentato furto aggravato operato dai poliziotti della sezione Volanti il 25 maggio scorso, quando le proprietarie di due distinti appartamenti siti in un condominio di via Massaglia, chiamarono la Centrale Operativa della Questura per segnalare la presenza di un uomo sul loro terrazzo. In quella circostanza l’uomo, vistosi scoperto da una delle signore, le avrebbe detto: “ Stai zitta, signora..casa tua è casa mia!” .

 

 

 

Articoli correlati

Notte di fuoco: auto in fiamme a Melissano

Redazione

Arriva il nuovo Prefetto: “Sarò al servizio dei cittadini”

Redazione

Non rientra ai domiciliari dopo le feste: trovato morto a Roma il 56enne scomparso

Redazione

BOC, nel pomeriggio la sentenza

Redazione

Tentato furto di gasolio nella centrale di biogas

Redazione

Palio a rischio, la Pro Loco accusa la Regione: “Ci nega il contributo”

Redazione