Picchiata dal compagno col manico di scopa, non denuncia ma scatta il “codice rosso”

TAURISANO – Sono stati gli agenti di Polizia del Commissariato di Taurisano a eseguire l’ordinanza e notificarla a un uomo di 38 anni di Presicce-Acquarica: non potrà avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla sua ex compagna convivente, dovrà mantenenere una distanza di almeno 200 metri dai luoghi frequentati da lei, e non potrà comunicare con la donna neanche al telefono o per via telematica.

A decidere di applicare la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima è stato il G.I.P. del Tribunale di Lecce, nonostante la donna non abbia mai trovato il coraggio di denunciare le violenze subite. È l’epilogo di una delicata attività investigativa, iniziata a maggio dopo una telefonata al 113 con cui la vittima chiedeva aiuto dopo essere stata picchiata dal compagno con il manico di una scopa.

Dalle dichiarazioni della donna e di altri testimoni è venuta fuori una vicenda in cui sono emersi gli atteggiamenti violenti e possessivi dell’indagato nei confronti della compagna, la quale era costretta addirittura a usare il telefono del compagno per poter comunicare con gli amici o con i parenti. Una relazione durata un anno e mezzo, contrassegnata da ripetuti allontanamenti e ritorni da parte della donna che -spiega la Polizia- “nonostante le violenze subite, non ha inteso sporgere querela, dimostrando la totale assenza di astio o volontà punitiva nei confronti del compagno, al quale rimaneva paradossalmente legata”.

In ogni caso, la continuità e la costanza nel porre in essere i comportamenti in danno della donna, hanno fatto scattare la procedura del “codice rosso”, che ha indotto il GIP, su richiesta della Procura, all’emissione della misura del divieto di avvicinamento.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*