Corvino: “Alla difesa deve pensarci l’allenatore. Trinchera? Voce fondata”

Pantaleo Corvino
Ottica Salomi

LECCE – A margine della conferenza stampa di presentazione dell’allenatore Marco Baroni, il direttore dell’area tecnica del Lecce Pantaleo Corvino con qualche battuta in più ha delineato una parte importante di quello che sarà il futuro della squadra giallorossa:

“Alla difesa ci deve pensare il mio allenatore, lo dico sempre a tutti i miei allenatori e l’ho detto anche a Baroni come prima cosa. All’attaccante ed al resto ci penso io”.

Sulle prospettive di mercato e sull’incedibilità di qualche elemento è molto chiaro: Giocatori incedibili? Come società dobbiamo crescere e per me la vocazione a non vendere quelli che ti fanno crescere la ho. Se sono importanti come Coda vorrei tenerli. Ma conta anche il dato anagrafico. I giovani farò di tutto per tenerli. Nessuno è incedibile. Non terremo per la testa nessuno. Abbiamo più tempo”.

Infine una battuta sulle voci circolate su un probabile ritorno a Lecce del direttore sportivo Stefano Trichera:

Faccio una premessa, anche se non mi piace dire bugie a voi giornalisti qualcuna devo dirla. La voce ha fondamento. Con me sono cresciuti tanti allenatori, ma anche dirigenti. Io voglio morire in pista ma se qualcuno vuole prendere in eredità qualcosa di mio perché no? Dopo la fine del campionato ho chiamato Stefano per capire se voleva affiancarmi. Mi ha detto che aveva firmato con la Cremonese. La voce era fondata”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*