Semifinale Playoff, Venezia-Lecce: vietato sbagliare. Le probabili formazioni

Eugenio Corini, allenatore US Lecce (foto P.Pinto)

LECCE – Lunedì di attesa e di passione per le semifinali dei playoff di serie B. Il Lecce sbarca in laguna per continuare a sognare anche se col Venezia di Zanetti non ci sarà nulla di scontato. I veneti dopo aver eliminato il Chievo Verona incrociano i guantoni della sfida con i salentini che non perdono a Venezia dal ‘95.
L’altra semifinale, Cittadella-Monza, si gioca alle 18.30.

Entra nel vivo dunque l’ultimo atto della serie B che consegnerà solo un paio di chiavi per aprire la terza porta per la serie A, dopo la promozione di Empoli e Salernitana. Il Lecce proverà a ripetere l’impresa del 2007/08, unica occasione in cui ha giocato i playoff di B, quando eliminando Pisa e AlbinoLeffe raggiunse la massima serie.

Massimo Coda, attaccante del Lecce nella gara interna col Venezia (foto P.Pinto)

In campionato un pareggio e una vittoria dei giallorossi durante la regular season; nella gara di andata al Via del Mare terminò 2 a 2, al gol di Mancosu rispose Forte con una doppietta e poi Coda portò a casa il punto. Mentre a Venezia i giallorossi si imposero per 3 a 2 grazie al gol di Pettinari e alla doppietta di Coda, intervallati dall’autogol di Lucioni e dal gol di Maleh.

Adesso è tutta un’altra musica, adesso non ci saranno appendici ulteriori per migliorare il migliorabile, dentro o fuori, si decide in due gare e tutto diventa più difficile per entrambe perché in caso di parità non ci saranno i tempi supplementari e nemmeno i rigori, non contano i gol in trasferta ma i giallorossi hanno un vantaggio perché in caso di parità si qualifica alla finale la squadra col miglior piazzamento in campionato.

Paolo Zanetti ha sei calciatori diffidati, Fiordilino, Maleh, Johnsen, Ricci, Svoboda e Crnigoj, ma non può fare conti, è una gara di vitale importanza; potrebbe scegliere di mandare in campo con il 4-3-1-2, stesso modulo dei salentini, Maenpaa; Ferrarini, Modolo, Ceccaroni, Molinaro; Maleh, Taugordeau, Fiordilino; Aramu; Forte, Di Mariano. Sistema di gioco che potrebbe mutare in 4-3-3 con Aramu e Di Mariano esterni e Forte al centro.

Eugenio Corini senza Rodriguez e Pettinari, dovrebbe schierare Stepinski accanto a Coda mentre sulla trequarti potrebbe agire capitan Mancosu, nel centrocampo a tre in cabina di regia dovrebbe esserci Hjulmand con Bjorkengren e Majer ai lati. A completare il 4-3-1-2 la linea difensiva con Maggio a destra e Gallo a sinistra, con Lucioni e Meccariello centrali. In porta Gabriel.

Arbitra il sig. sig. Valerio Marini di Roma 1, fischio d’inizio alle ore 20:45. Telecronaca su Dazn e radiocronaca su Radio Rama. Il ritorno si giocherà giovedì 20 maggio alle ore 18:30.

PROBABILI FORMAZIONI

VENEZIA (4-3-1-2): Maenpaa; Ferrarini, Modolo, Ceccaroni, Molinaro; Maleh, Taugordeau, Fiordilino; Aramu; Forte, Di Mariano. Allenatore: Paolo Zanetti.

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Maggio, Meccariello, Lucioni, Gallo; Majer, Hjulmand, Biorkengren; Mancosu; Coda, Stepinski. Allenatore: Eugenio Corini.

ARBITRO: sig. Valerio Marini di Roma 1.

ASSISTENTI: sig. Valerio Vecchi di Lamezia Terme e sig. Antonio Vono di Soverato. IV uomo sig. Luca Massimi di Termoli. Al VAR il sig. Luca Banti di Livorno assistito dal sig. Filippo Valeriani di Ravenna.

M.Cassone

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*