Porto Cesareo: continuano le operazioni di rimozione di corpi morti e relitti

PORTO CESAREO:  Dando continuità all’ operazione FONDALI PULITI, la Capitaneria di Porto di Gallipoli , anche quest’anno, si è prefissata l’obiettivo di rendere un servizio alla collettività in un paesaggio, quello di Porto Cesareo, che era stato per decenni oggetto di un indiscriminato e irregolare uso del demanio marittimo e che dopo l’ imponente e storica attività ha riconsegnato alla comunità un suggestivo paesaggio. La nuova fase operativa, iniziata lunedì, ha già portato al recupero di 5 natanti (tra i quali 3 pattini semidistrutti), 30 corpi morti, 3 tonnellate tra reti/cime/catene e diversi rifiuti (soprattutto ruote pneumatiche diautomobili) dagli spechi acquei de La Strea (all’interno della zona C dell’Area Marina Protetta) e della riviera di Ponente.Altro intervento importante a tutela della libera fruizione del litorale è stato svolto, la settimana scorsa, nella rada di Levante con la collaborazione del Comune di Porto Cesareo.Dopo quasi 3 anni dall’incaglio dell’imbarcazione a vela denominata “Principessa Haile” si è proceduto,tramite un motopontone munito di gru, incaricato dalla Civica Amministrazione, al recupero liberando lo specchio acqueo e ripristinando le condizioni di sicurezza e tutela ambientale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*