Lo spettacolo del MiniEnduro a Santa Cesarea Terme: tutti innamorati del Salento

Santa Cesarea Terme perla del Salento, in questo weekend  si è svegliata con il rombo dei motori dei giovani enduristi, che hanno dato vita alla due giorni, 8 e 9 maggio, dedicata al Campionato Italiano MiniEnduro Borilli Racing 2021.

La meravigliosa marina salentina si pone all’attenzione nazionale, grazie a questo evento organizzato dal Motoclub S.A.C.E.  valido come prima tappa della stagione, grande veicolo di promozione del territorio, così come spiega il responsabile e vicepresidente del Motoclub Fernando Puce: “Promozione e turismo con queste manifestazioni vanno a nozze, perché si promuove proprio il territorio grazie ai piloti ed ai loro accompagnatori che vengono da tutte le parti l’Italia, dal Veneto alla Sicilia, abbiamo bambini dagli 8 ai 15 anni comprese le ragazze. Non c’è nulla di meglio per il nostro Salento come promozione. Abbiamo 160 partenti, peccato per l’emergenza sanitaria e per le limitazioni, però quando gli addetti ai lavori hanno visto il nostro paesaggio sono rimasti molto colpiti dalla costa e dal mare. Dobbiamo riproporre questo tipo di manifestazioni”.

E del Salento si sono innamorati un po’ tutti i presenti ad iniziare dal presidente di giuria Juri Simoncini che illustra la gara: “Stiamo parlando di Campionato MiniEnduro che si pratica con moto da fuoristrada, è un campionato itinerante che va dal sud, al centro, al nord Italia: Questa è una gara organizzata molto bene dal Motoclub S.A.C.E. in una location fantastica con delle prove speciali molto tecniche e impegnative. Ho sentito i team e molti ragazzi e sono entusiasti della location. Ringrazio Fernando Puce per l’organizzazione e per averci ospitato in questo meraviglioso posto”.

 Sulla stessa linea di pensiero anche Monica Mori, promoter del campionato Italiano: “Ritorniamo in questa splendida terra, nel Salento, dopo quattro anni dall’altra edizione, siamo felicissimi di essere qui, giornata stupenda e organizzazione fantastica, ringraziamo gli organizzatori e speriamo di tornare molto presto qui, non solo per una gara ma anche in vacanza”.

 Piacevolmente stupito anche Mario Rinaldi, ex pilota, amatissimo dai tifosi del settore, e responsabile FMI: “Qui nel Salento abbiamo trovato massima disponibilità da parte di tutti, in primis degli organizzatori, e devo dire, anche se siamo a metà della prima giornata, che si sono i presupposti perché sia una bellissima manifestazione, speriamo che vada come deve andare e vinca il migliore”.

 All’organizzazione ha collaborato anche il crossodromo Camacione.

Al termine della prova di sabato in Assoluta il primo classificato è Manuel Verzeroli del Moto club Ponte Nossa di Bergamo, mentre nella categoria Femminile ha primeggiato Aurora Pittaluga del Moto Club Fuoringiro Savona; in vantaggio come motoclub è il Gaerne di Treviso.

Un percorso lungo 10 km, da ripetere cinque volte, immerso nella selvaggia natura di uno dei luoghi più belli d’Italia ha sposato la passione, il coraggio, e la destrezza di questi aspiranti campioni che si sono divertiti superando, tra derapate e accelerazioni improvvise, ogni ostacolo.

Questo è un buon biglietto da visita per l’intero territorio.

Invitato dagli organizzatori ha partecipato anche il consigliere regionale Paolo Pagliaro che ha potuto apprezzare lo spettacolo dei giovani piloti in un luogo che ha sempre amato: “Devo dire che ho trovato un’iniziativa straordinaria, non pensavo fosse così bella e così partecipata”.

M.Cassone

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*