Recovery Plan, ministro Gelmini: “Sì alle proposte delle Regioni. Priorità alla rete ferroviaria”

BARI – “Il PNRR rappresenta la caduta degli alibi. Perché le risorse ci sono, c’è un tempo per fare in modo che quelle risorse realizzino una progettualità nell’interesse del Paese”.

Le risorse ci sono, i progetti anche, bisogna “correre” per “sorprendere l’Europa”. Il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini, arriva in Puglia per fare il punto, il primo, sul Recovery plan. La Puglia aveva inviato al governo 150 schede di progetto per 18 miliardi di euro di investimenti. “Certamente le proposte di tutti i presidenti verranno assolutamente prese in considerazione – ha detto la Gelmini -. Anche perché sappiamo che i soggetti attuatori sono gli enti locali. Valuteremo con grandissima attenzione le proposte che ci vengono avanzate, con un occhio particolare alle infrastrutture, in particolare al potenziamento di quel sistema ferroviario che al Sud ha bisogno di correre veloce. Il piano riserva grande attenzione anche alla Cultura, al Turismo, con la presidenza di Fedigra e la vicepresidenza di Emiliano porteremo in Conferenza delle Regioni le proposte che diventeranno dei punti di riferimento per la costruzione di questo piano”.

Infrastrutture, cultura, turismo ma  anche giovani, donne e sanità: su questi pilastri si baseranno i progetti che riceveranno i finanziamenti del PNRR. “Bisogna fare squadra” ha detto la ministra e “la coesione e l’inclusione che l’Europa ci chiede si realizzano non solo guardando alla quantità di risorse ma anche alla qualità degli investimenti”. E non bisogna cedere – ha detto – “alla logica del sussidio e dell’indennizzo” ma bisogna valorizzare competenze, talenti e imprenditorialità.

Il governatore Michele Emiliano chiedendo un occhio particolare per la Puglia, non di riguardo ma particolare ha specificato, ha aggiunto: “La giunta oggi ha affrontato in termini di riequilibrio tra nord e sud la questione sanitaria. Siamo certi – ha detto rivolgendosi alla ministra – che tu e il tuo governo farete in modo che i Lep – i livelli essenziali delle prestazioni – diventeranno il metro e la misura della distribuzione dei finanziamenti in materia sanitaria”.

La ministra ha incontrato nella sede del Consiglio regionale, il partito di Forza Italia rappresentato a tutti i livelli, facendo il punto sul tema del Recovery plan. I colleghi di partito hanno chiesto che sia garantita la concertazione con gli enti locali nella fase di stesura del piano. E su questo se ne è parlato anche con il presidente di Anci, Antonio Decaro in un successivo incontro al Comune di Bari. Dopo un vertice con la giunta regionale, il ministro Gelmini ha visitato l’hub e l’ospedale covid della Fiera del Levante. “Qui c’è il cuore – ha commentato la responsabile degli Affari regionali -. Io sono qui anche per rappresentare la vicinanza del Governo a una regione che è stata fortemente colpita soprattutto nella seconda e terza ondata”.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*