Variante indiana, casi sospetti nel Leccese. Lunedì l’eventuale conferma

minerva

BARI – La variante indiana preoccupa il Salento. Potrebbe essere arrivata a Lecce.

Per ora è solo un sospetto. Ma su questo stanno lavorando i biologi dell’Istituto Zooprofilattico di Puglia e Basilicata e i responsabili del Dipartimento di prevenzione di Lecce.

Sembrerebbero una decina i casi sotto la lente degli esperti. Il primo è un gruppetto di cinque persone. Tutti rientrati dall’India nei giorni scorsi, sono risultati positivi al tampone. Il Dipartimento di Prevenzione della Asl ha subito allertato il sistema di controllo, tant’è che i tamponi sono stati inviati a Putignano per il sequenziamento. Nei primi due sono risultati colpiti da variante inglese. Si attendono però i risultati degli altri, la speranza è che diano la stessa risposta. “Alcuni casi sono rientrati dall’India come successo a Fiumicino per il volo di Nuova Deli – spiega Antonio Parisi, responsabile dell’Istituto Zooprofilattico di Puglia e Basilicata -. Stiamo verificando. I primi dati sembrano deporre per variante inglese ma stiamo approfondendo. Cercheremo di capirlo il prima possibile. In questo momento chi viene dalle zone in cui questa variante dilaga sono ritenuti sospetti di poter importare l’infezione nel nostro territorio”.

Non è l’unico gruppo, però. Perché altri cinque indiani sono rientrati da paese di origine, sono risultati positivi e anche per loro il tampone sarà inviato, questa volta ai laboratori di Bari per il sequenziamento. Un caso sembrerebbe essere stato individuato a Galatina. Quattro sarebbero asintomatici o paucisintomatici, mentre per uno si è reso necessario il ricorso al pronto soccorso.

Individuare subito la variante è un passaggio essenziale, giacché – come vi abbiamo già riportato nei giorni scorsi – secondo gli esperti dell’istituto di Putignano, la variante indiana risulta più resistente agli anticorpi rispetto alle altre, così come la brasiliana individuata in tre cittadini, uno a Foggia, uno a Bari e uno a Taranto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*