Il Nardò asfalta e umilia l’Aversa: al “Giovanni Paolo II” finisce 5-0

Nardò – Il Nardò tra le proprie mura amiche del “Giovanni Paolo II” umilia l’Aversa e mette in cassaforte tre punti importanti per il morale, a salvezza comunque  già acquisita. Gli uomini di mister Ciro Danucci, nel  recupero della 22° giornata del girone H di serie D, vincono largamente e senza troppe difficoltà, 5-0, in una gara senza storia.

Al 25′ Romeo sigla il vantaggio per i padroni di casa e, dieci minuti dopo, ecco il doppio vantaggio di  Nicolao. Al 40′ del primo tempo è già 3-0 con capitan Ciccio Caputo che mette segno il tris che chiude la prima frazione di gioco. I normanni non riescono a reagire, in una gara maschia, e il Nardò dilaga: al 10′ della ripresa Tornros insacca il 4-0 e supera ancora una volta il malcapitato portiere ospite, Papa. Ma non basta: a cinque minuti dalla fine del tempo regolamentare del match Cancelli sigla il definitivo 5-0.

I granata, riscattano il k.o. nel derby con il Casarano, e si portano così a 40 punti in classifica, i normanni invece rimangono inchiodati a 25 punti.

Il tabellino:

Nardò-Real Agro Aversa 5-0

NARDO’ CALCIO: Milli; Cancelli, De Giorgi, Romeo, Nicolao (dal 32′ st Stranieri); Valzano (dal 23′ st Palazzo), Mengoli (dal 20′ st Lezzi); Rimoli, Potenza (dal 2′ st Granado), Caputo; Törnros (dal 28′ st Scialpi). A disp.: Mirarco, Trinchera, Massari, Gallo. All. Danucci

REAL AGRO AVERSA: Papa, Ndiaye, Cassandro, Varchetta, Mariani; Faiello, Palumbo (dal 42′ st Chiacchio), Ziello (dal 15′ st D’Angelo); Faella (dal 15′ st Avella), Negro (dal 28′ st Guisse), Chianese (dal 42′ st Capone). A disp.: Casillo, De Marco, Ricciardi, Massaro. All. De Stefano

ARBITRO: Giovanni Agostoni di Milano

ASSISTENTI: Leonardo Varano di Crotone e Fabrizio Cozza di Paola

MARCATORI: 20′ pt Romeo (N), 30′ pt Nicolao (N), 35′ pt Caputo (N), 5′ st Tornros (N), 38′ st Cancelli (N)

NOTE: Ammoniti Valsano, Mengoli, De Giorgi (N), Chianese, Faella, Varchetta, Guisse (A). Recupero 1′ pt, 4′ st.

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*