Frode fiscale: sequestrati beni per 3 milioni e 250 mila euro

minerva

TARANTO-  I Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Taranto hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, per un totale di 3 milioni e 250 mila euro.

Il provvedimento cautelare, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Taranto, Benedetto Ruberto, su proposta del Pubblico Ministero, Remo Epifani, trae origine da una verifica fiscale conclusa nel dicembre 2019 dai finanzieri della 2a Compagnia di Taranto, nei confronti di una agenzia, con sede nel capoluogo jonico, esercente l’attività di prenotazione e assistenza turistica.

Nel corso della a verifica, che ha riguardato le annualità di imposta dal 2015 al 2019, sono stati constatati ricavi non dichiarati per 9 milioni e 600 mila euro, costi non deducibili per 215 mila euro ed evasione dell’I.V.A. per 50 mila euro. Inoltre il titolare è stato denunziato all’Autorità Giudiziaria per i reati di omessa ed infedele dichiarazione, nonché indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento, finalizzato a dissimulare i profitti “in nero” dell’agenzia.

Gli ulteriori sviluppi dell’indagine hanno portato all’esecuzione del sequestro, a carico dell’uomo e della coniuge, di beni e disponibilità finanziarie per un importo complessivo di 3 milioni e 250 mila euro, pari all’ammontare complessivo delle imposte evase.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*