Circonvenzione di incapace: a processo una 42enne di Carmiano

CARMIANO-E’ stata rinviata a giudizio dal giudice Michele Toriello D. M., 42 anni di Carmiano. L’accusa dalla quale dovrà difendersi è di circonvenzione di incapace e appropriazione indebita aggravata.

La donna è accusata di aver abusato dei bisogni e dello stato di infermità della zia della quale aveva carpito la fiducia grazie ad un’assidua frequentazione e disponibilità verso la stessa. L’avrebbe anche messa in guardia  da altri parenti che, approfittando della sua condizione, avrebbero potuto sottrarle tutti i suoi averi. L’aveva così portata a consegnarle i sui effetti personali e di valore: chiavi di casa e di altri immobili di sua proprietà, bancomat e numerosi gioielli:  23 anelli in oro e pietre preziose,  un bracciale con ciondoli in oro, un orologio, una collana in oro a catena con allacciato un bracciale, un anello in oro con brillante e 1 paio di orecchini in oro con pietra in corallo rosa. Avrebbe inoltre indotto la donna a regalare denaro al proprio coniuge, suo nipote diretto, ed avrebbe a più riprese prelevato denaro dal suo conto corrente appropriandosi in 6 mesi della somma complessiva di oltre 21 mila euro.

La prima udienza del processo verrà celebrata il 28 settembre 2021.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*