Puglia ancora zona rossa, si attendono news sulla scuola

PUGLIA – La Puglia resta zona rossa per la sesta settimana consecutiva. Il Ministro della Salute Speranza ha firmato la nuova ordinanza che aggiorna la suddivisione a colori di tutta la nazione, in base a quanto relazionato dall’Istituto Superiore di Sanità. Nella settimana di monitoraggio, anche se l’indice Rt è sceso sotto l’1, attestandosi a 0,89, è alta l’incidenza dei contagi, che sono stati 261 ogni 100.000 abitanti (la soglia è 250).

Solo Puglia, Valle d’Aosta Sardegna sono rosse. Il resto d’Italia è arancione.

Dunque, almeno fino a domenica 25, restano le restrizioni da zona rossa:

non ci si può spostare da un comune all’altro e neanche all’interno del proprio comune, a meno di motivi di lavoro, urgenza, salute. Resta in vigore il decreto Draghi fino al 30 aprile che vieta di andare a casa di amici e parenti.

Bar e ristoranti sono aperti solo per la vendita da asporto e per le consegne a domicilio.

Chiusi parrucchieri e centri estetici.

Aperti, oltre a supermercati e farmacie, tutti i negozi con il codice Ateco consentito.

Resta ancora l’incertezza su cosa accadrà alle scuole dal 26 in poi, se dovessimo restare in fascia ad alto rischio: se sembra, infatti, chiaro che dal 26 aprile, in zona gialla e arancione torneranno in classe tutti gli alunni e gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, in zona rossa si potrebbe decidere di far tornare in aula i bambini fino alla terza media e, alle superiori, almeno il 50% dei ragazzi, ma non c’è ancora alcun documento in questo senso, quindi si attende. Lo conferma il presidente di ANP Puglia, Roberto Romito.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*