Arcidiocesi di Otranto: no fondi parrocchiali per luminarie e fuochi, ma per i poveri

LECCE – “Non è consentito utilizzare fondi parrocchiali per luminarie, concerti bandistici, fuochi pirotecnici, Anche se negli scorsi anni sono stati raccolti specificatamente per la realizzazione delle feste. Si suggerisce prudentemente di congelare queste somme sul conto corrente bancario della parrocchia e di prevedere la possibilità di utilizzo di una parte di esse per il sostegno delle famiglie povere.

Va tenuto presente che una festa religiosa deve rispettare ed esprimere sempre la reale situazione di una comunità o di un particolare periodo e che, pertanto, non si addice una indiscriminata giustapposizione del solito tradizionale copione. La situazione critica planetaria che tocca anche il nostro Salento non ci permette di prescindere perciò dalle disposizioni”.

Così l’Arcidiocesi di Otranto, in una comunicazione ai confratelli, scende in campo fattivamente per sostanere le famiglie della comunità più colpite dalla pandemia e dalla conseguente crisi economica.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*