Taranto, appalto ospedale “San Cataldo”: indagati Stefanazzi e Sannicandro

TARANTO – La Procura di Bari ha in corso un’indagine su presunte illegittimità nelle procedure di appalto del nuovo ospedale San Cataldo di Taranto. Nell’inchiesta risultano indagati il capo di gabinetto della Regione Puglia, Claudio Stefanazzi, e il direttore generale dell’agenzia regionale Asset, Elio Sannicandro.

La notizia si apprende dall’Ansa. L’appalto – lo ricordiamo – è stato anche al centro di un contenzioso dinanzi alla giustizia amministrativa, conclusosi nel giugno 2020 con una sentenza del Consiglio di Stato che ha confermato l’aggiudicazione al raggruppamento di imprese capeggiato dalla barese Debar.

Nei confronti di Stefanazzi e Sannicandro sono ipotizzati, a vario titolo, i reati di concorso in abuso d’ufficio, turbativa d’asta, turbata libertà di scelta del contraente e falso materiale. L’inchiesta della Guardia di Finanza è coordinata dal procuratore aggiunto Alessio Coccioli con il sostituto Michele Ruggiero.

L’iscrizione nel registro degli indagati risale ad un anno fa ma, stando alla contestazione riportata nell’avviso di proroga delle indagini che è stato notificato nelle scorse ore. I reati sono ricondotti alla data del 26 novembre 2018. A quanto si apprende si tratterebbe della data della lettera trasmessa dalla Regione a Invitalia, che ha gestito la gara, per comunicare che Sannicandro sarebbe stato il componente della commissione di valutazione delle offerte tecniche per conto dell’ente regionale. Lettera che sarebbe stata firmata da Stefanazzi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*