Gli ambulanti in piazza: noi discriminati

minerva

LECCE – “Invisibili agli occhi delle amministrazioni e del governo” . Sono gli ambulanti leccesi che da Piazza Sant’Oronzo chiedono di non aumentare la pressione fiscale

“Marginali, abbandonati, mai valorizzati, senza servizi ma con il massimo delle tasse”. Per questo chiedono di essere ascoltati i commercianti leccesi oggi in Piazza Sant’Oronzo per manifestare ancora una volta una situazione di estremo disagio. Una categoria allo stremo, e messa a dura prova anche da un anno di pandemia. “Noi – dicono – inascoltati e disciminati”.

 

Il sindaco Salvemini, con gli assessori alle Attività produttive e ai Tributi, ha poi ricevuto i manifestanti. Ha raccolto le proposte e le osservazioni delle categorie relative al nuovo Regolamento per il Canone unico che comporterà, per gli operatori del mercato di Via Bari, una riduzione del canone da corrispondere per l’occupazione di suolo pubblico.
È stato anche chiesto ai rappresentanti delle associazioni di formalizzare le ulteriori richieste e proposte sulla situazione delle aree mercatali di Lecce.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*