Il focolaio nella rsa si allarga, ma la Direzione rassicura

TREPUZZI – La comunicazione arrivata dalla Direzione nella giornata di venerdì, parlava di sette degenti e quattro dipendenti positivi. 24 ore dopo, il numero dei degenti positivi è raddoppiato, sono 14.

Si allarga il focolaio covid nella “Residenza Giada”, rsa di Trepuzzi, che attualmente conta in tutto 43 ospiti e 30 operatori.

“Ma sono tutti asintomatici – rassicura il direttore, il dott. Marcello Cartanì- la persona più “grave” aveva la febbre a 37 e mezzo e ora è passata anche quella”.

La struttura tiene inoltre a sottolineare di essere in costante contatto con le famiglie degli ospiti, anche con videochiamate.

L’11 febbraio, tutti i degenti e i dipendenti hanno termoinato la vaccinazione con “Pfeizer”.

“La direzione e la proprietà della struttura – ha affermato il Sindaco Giuseppe Taurino – sin dal primo momento in cui è scattato l’allarme si sono dimostrate attente e pronte nell’applicazione dei protocolli sanitari vigenti e soprattutto trasparenti, dialogando costantemente con le autorità competenti e con il sottoscritto. Sento di rivolgere il mio sentimento di gratitudine al personale e a quanti si stanno spendendo in queste ore per garantire la tutela della salute dei degenti presenti, rendendosi disponibili anche a proseguire il proprio servizio in qualunque condizione. Rivolgo agli e alle ospiti della struttura l’augurio di una pronta guarigione a nome mio e della città, così come esprimo vicinanza alle famiglie delle persone degenti che certamente staranno vivendo ore di tribolazione e preoccupazione. Abbiamo voluto pubblicare questa nota inviata al sottoscritto proprio perché sulla vicenda ci fosse la massima trasparenza per evitare il diffondersi di fake-news e disinformazione. Continuerò a seguire con attenzione l’evolversi della situazione rimanendo in contatto con la proprietà, la direzione della struttura e con le autorità dell’ASL competente”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*