Consorzi, nessun passo indietro della Regione sulle cartelle pazze

BARI – Non ci sarà nessuna sospensione o annullamento del tributo 630. I cittadini che si sono visti recapitare la cartella dei consorzi di bonifica dovranno pagare. Ammesso che non dimostrino di non aver ricevuto il servizio.

Nessuna apertura da parte del Commissario straordinario dei Consorzi di Bonifica, Ninni Borzillo e dall’assessore regionale all’Agricoltura Donato Pentassuglia alle tante richieste arrivate da sindaci, associazioni di categoria e cittadini riportare dai diretti interessati e dai consiglieri di riferimento durante le audizioni nella competente commissione consiliare richiesta dal capogruppo de La Puglia domani Paolo Pagliaro

Se sul presente non c’è apertura, sul futuro però sì. Perché la seconda richiesta avanzata in commissione è di mettere mano ai consorzi che da decenni, come vi abbiamo sempre denunciato su TrNews, sono riserve di sprechi e debiti più che risorse agricole. Del resto lo dicono i numeri: 24 anni di commissariamento e debiti arrivati a sfiorare i 300 milioni di euro. Ecco perché occorre intervenire e subito

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*