La cassetta delle lettere per scrivere a chi non c’è più e per imbucare i propri sogni

BOTRUGNO – Non c’è bisogno neanche di firmare, se non ti va. In questa magica cassetta delle lettere, con tanto di indicazioni per la luna e per il mare, la tua posta arriverà a destinazione comunque e chi la riceverà saprà di esserne il destinatario. Stanne certo, basta che tu ci creda. 

A Botrugno, “Tela”, una piccola casa-teatro chiusa da mesi a causa del Covid, ha pensato di creare un luogo fisico a cui affidare le parole da far arrivare a chi non c’è più. Ma anche a cui affidare i sogni: imbucandoli, come in un rito, perché si avverino. “Imbucate i vostri pensieri -si legge- scegliete a quale emozione affidarvi, non conta la forma, contano i vostri sogni”.

E, in pochi giorni, l’iniziativa ha riscosso un successo che Stefania Semeraro, la presidente di “Tele”, proprio non si aspettava.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*