Pazzesco al Via del Mare, Mancosu e Rodriguez riprendono la capolista: termina 2 a 2 con l’Empoli

Pablito Rodriguez, 19 anni, in azione contro il Brescia (foto P.Pinto)

LECCE – Pari e patta tra Lecce e Empoli nell’ultima gara del girone di andata del campionato BKT. Una partita pazzesca.

La capolista morde per 70 minuti con il Lecce completamente scollegato dalla gara e va avanti di due gol, Haas e La Mantia gettano nello sconforto i salentini.

I giallorossi sembrano ormai condannati alla sconfitta ma poi accade tutto il contrario di tutto.

Corini con i cambi stravolge gli equilibri, entrano i giovani e la linea verde vince e mette le ali riaccendendo la luce: Listkowski, Gallo, Bjorkengren, Hjulmand e Rodriguez ci mettono rabbia, voglia, freschezza. 

Il Lecce reagisce, punge, ha fame, si riversa in avanti, è una squadra diversa, cambia volto e accorcia le distanze con Mancosu e poi pareggia con Rodriguez, un gol pazzesco quello del giovane spagnolo che al rientro dopo la noia muscolare mette ancora il sigillo su un pareggio importantissimo.

C’è tanto da lavorare per Corini ma aver ripreso una gara del genere contro la squadra più forte del campionato significa che il Lecce ha la materia prima e le qualità per provare a risalire la china.

PRIMO TEMPO – Eugenio Corini manda subito in campo dal primo minuto Pisacane e Nikolov e senza Coda squalificato si schiera con una punta e dunque ecco Gabriel; Adjapong, Lucioni, Pisacane, Zuta; Majer, Tachtsidis, Nikolov; Henderson, Mancosu; Stepinski.

Alessio Dionisi risponde con il 4-3-1-2 con Brignoli; l’ex Fiamozzi, Casale, Nikolau, Parisi; Ricci, Stulac, Haas; Bajrami; La Mantia l’eroe della promozione in A del Lecce, e Mancuso.

Arbitra il sig. Fabrizio Pasqua di Tivoli.

Grande agonismo a centrocampo, le squadra si studiano.

Dopo appena 5 minuti Nikolov che ha iniziato con molto ardore e aggressività e guadagna il suo primo giallo in Italia per un fallo su Ricci.

I toscani prendono il pallino del gioco e spingono bene dalla parte dell’ex Fiamozzi, capitano dell’Empoli ed il Lecce soffre proprio su quel versante.

I giallorossi faticano ad uscire dalla propria metà campo ed aspettano il momento giusto per colpire in contropiede e cercano di serrare i ranghi.

Al 17° esce il Lecce: Tachtdisis serve Mancosu che entra in area e la mette morbida in mezzo ma libera la difesa e parte Bajrami che arriva al limite e calcia, e devia in angolo Pisacane.

La partita si accende anche se gli ospiti sono più in palla mentre i padroni di casa continuano a badare alla fase difensiva.

Al 21° Empoli pericoloso con Bajrami che entra in area ma calcia male.

Al 23° brividi per il Lecce: Stulac da fuori area impegna Gabriel.

I minuti scorrono su un copione che non cambia: la squadra di Dionisi è padrona del campo.

Al 28° La Mantia ci prova ma Gabriel è attento.

Capovolgimento di fronte, spazio a sinistra per Mancosu che entra in area ma sbaglia la misura del cross e la sfera termina fuori.

Al 33° si sblocca la gara: Haas sbuca in area su corner, sorprende tutti e la mette dentro.

Al 41° Parisi tocca col braccio una palla destinata a Stepinski, giallo per lui e punizione dai 25 metri per il Lecce. Sulla palla Tachtsidis ma batte Mancosu, palla sulla barriera. Il Lecce rimane in avanti, palla ad Henderson che calcia ma strozza la sfera che termina fuori.

I salentini chiudono in avanti ma le loro azioni sono spuntate e non pungono ed il primo tempo termina con l’Empoli in vantaggio.

SECONDO TEMPO – Si riparte con gli stessi uomini del primo tempo.

Si comincia con un fallo di Tachtsidis su Bajrami, giallo per lui, era diffidato.

E poco dopo arriva il raddoppio: Haas lserve Bajrami che va sul fondo e la mette in mezzo per La Mantia che la poggia alle spalle di Gabriel, due a zero per l’Empoli. L’attaccante di Marino che a Lecce ha lasciato un buon ricordo non esulta.

Al 54° triplo cambio nel Lecce: fuori Majer, Henderson e Nikolov entrano Rodriguez, Listkowski e Bjorkengen.

Gli ospiti però continuano a martellare, i giallorossi sono in difficoltà.

Al 58° si fa male Parisi al suo posto entra Terzic.

Al 59° Stulac impegna Gabriel.

Al 66° Gabriel con un grande intervento su Bajrami evita il 3 a 0.

Un minuto dopo giallo per Haas per un fallo su Tachtisids, giallo per lui.

Subito dopo al 67° esce proprio il greco ed entra Hjulmand e fa il suo esordio nel campionato italiano.

Al 71° doppio cambio per gli ospiti: dentro Moreo e Zur fuori Haas e Bajrami

Al 72° Lecce pericoloso, palla in mezzo, Brignoli si salva in corner, sugli sviluppi salta Lucioni ma allontana La Mantia.

Al 74° Adjapong serve Stepinski in area che però tocca male.

I padroni di casa provano la reazione ma i toscani pungono ogni volta che si riversano in attacco.

Al 77° cambio per il Lecce: fuori Zuta dentro Gallo.

Al 78° Mancosu di sinistro dalla distanza prova la botta ma il suo tiro centrale termina tra le bracce di Brignoli.

Il gol però è nell’aria e Listkowski vede Mancosu che dal limite batte Brignoli ed il Lecce rientra in partita al 79°.

Finale incandescente, il Lecce si trasforma, e ci crede, vuole riprendere la gara.

Al minuto 87 Adjapong crossa in mezzo, Rodriguez di testa manda alta la sfera sopra la traversa.

Giallo per Brignoli per perdita di tempo.

Al minuto 89 doppio cambio per i toscani: fuori La Mantia e Mancuso dentro Matos e Crociata.

E subito dopo, al 90°, ecco la magia del Lecce: Mancosu tocca per Rodriguez e Pablito gonfia la rete.

Due a Due.

Finisce così. Grande reazione del Lecce e pareggio meritato nonostante i primi 70 minuti sono stati tutti di marca toscana.

IL TABELLINO

LECCE – EMPOLI 2-2

LECCE (4-3-2-1): Gabriel; Adjapong, Lucioni, Pisacane, Zuta (77° Gallo); Majer (54°Rodriguez), Tachtsidis (68° Hjulmand), Nikolov (54° Bjorkengren); Henderson (54° Listkowski), Mancosu; Stepinski. A disposizione: Bleve, Vigorito, Meccariello, Paganini, Monterisi, Dubickas, Maselli. Allenatore: E. Corini

EMPOLI (4-3-12): Brignoli; Fiamozzi, Casale, Nikolau, Parisi (58° Terzic); Ricci, Stulac, Haas; Bajrami; La Mantia (89° Matos), Mancuso (89° Crociata. A disposizione: Furlan, Crociata, Matos, Olivieri, Moreo, Sabelli, Zurkowski, Damiani, Pirrello, Viti, Cambiasso. Allenatore: A. Dionisi

ARBITRO: sig. Fabrizio Pasqua di Tivoli

ASSISTENTI: sig. Michele Grossi di Frosinone e sig. Fabio Schirru di Nichelino; IV uomo il sig. Livio Marinelli di Tivoli

MARCATORI: 33° Haas (E), 47° La Mantia (L), 79° Mancosu (L), 90° Rodriguez (L)

AMMONITI: 5° Nikolov (L), 41° Parisi (E), 46° Tachtsidis (L), 67° Haas (E), 82° il team manager del Lecce Claudio Vino per proteste, 87° Brignoli (E), 90°+3 Mancosu (L)

 

M.Cassone

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*