Non dimenticare: “Tutto l’acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino”

TARANTO – “TUTTO L’ACCIAIO DEL MONDO NON VALE LA VITA DI UN SOLO BAMBINO”. Lo striscione è sempre quello e va bene così, perché il messaggio è sempre lo stesso e dev’essere indelebile. Deve scavare nelle coscienze di tutti.  L’associazione “Genitori tarantini” manifesta sul piazzale del centro direzionale Bestat, insieme ai medici. “Chiamiamo a raccolta tutti i cittadini che, come noi, non riescono a sopportare “la grande ingiustizia” che si sta perpetrando a Taranto. La situazione è molto grave e abbiamo bisogno che i temi come la giustizia, i diritti, calpestati in modo ignobile possano essere ristabiliti anche in questa città. Quindi riteniamo essenziale uscire di casa per poter raccontare al mondo la verità, pacificamente, mantenendo le distanze di sicurezza, registrando video, dirette, inviando comunicati stampa, potremo fare sentire la nostra voce. Viviamo tutti una fase di scoramento, è come se avessimo perso le forze, ma dobbiamo insistere, è importante”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*