“Variante inglese”, 7 casi individuati in Puglia

PUGLIA – Dopo aver isolato il virus corrispondente al ceppo con la cosiddetta “variante inglese” di Sars Cov 2, continua l’attività dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata, che ha ottenuto i primi risultati relativi agli esami condotti sui pazienti di rientro dalla Gran Bretagna e risultati positivi al test. La variante è stata identificata in 7 campioni di pazienti provenienti dalla Gran Bretagna in 5 delle 6 province pugliesi. “Al momento, nell’ambito dell’attività di tracciamento dei cittadini provenienti dal Regno Unito – ha spiegato Antonio Fasanella, direttore generale dell’Istituto zooprofilattico – abbiamo ricevuto un totale di 26 campioni provenienti da 5 delle 6 province pugliesi. Per 17 di questi gli accertamenti sono stati completati. Tre dei primi 17 campioni hanno dato esito negativo. Sono in corso gli accertamenti per i successivi 9 campioni collegati ai rientri dalla Gran Bretagna e circa una quarantina di campioni provenienti dal territorio e che non hanno alcuna corrispondenza con la Gran Bretagna. Complessivamente sono state determinate 14 sequenze genomiche da cui è stato possibile definire l’appartenenza delle varianti virali a 5 differenti lineage.

Per quanto riguarda le altre varianti trovate abbiamo una variante, non dominante,  già trovata in Puglia e in Italia, la famosa variante spagnola dominante in gran parte della Puglia, Italia e Europa (questa variante, da noi definita sottovariante spagnola,  è degna di nota in quanto è stata segnalata recentemente in un’unica occasione in Veneto) e una variante che ad oggi non risulta ancora rilevata in Italia.

“Fasanella ha inoltre informato la Regione – spiega l’assessore Lopalco – che alcuni dati preliminari indicano che gli anticorpi che si sono sviluppati nei pazienti pugliesi colpiti dalla variante spagnola risultano protettivi anche nei confronti della variante inglese”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*