AttualitàCronaca

Poliziotto inseguì e arrestò pregiudicato, il Tar: sì alla promozione

BRINDISI- Per il TAR Lecce l’assistente Capo Coordinatore della Polizia di Stato  ha diritto alla promozione proposta dal Questore di Brindisi per aver condotto a termine una rischiosa operazione di polizia. I fatti nell’ottobre del 2019:  l’agente dopo aver «fermato» un pregiudicato, proprio nel momento in cui si stava avvicinando alla vettura fu  investito dall’auto e  scaraventato  contro la barriera new jersey. Nonostante ciò, il poliziotto riuscì a rimettersi subito alla guida della volante, lanciandosi  all’inseguimento dell’auto, fino ad arrestare  il malvivente.

Oggi i Giudici amministrativi, accogliendo quindi il ricorso dell’Avv. Pietro Quinto, hanno annullato il provvedimento ministeriale, che, disattendendo la motivata proposta del Questore, aveva riconosciuto all’Assistente capo soltanto un «encomio solenne». La vicenda, non adeguatamente valutata dal Ministero– ha detto il TAR –   rappresenta indubbiamente una eccezionale capacità professionale con l’assunzione di un rischio per la propria incolumità al fine di tutelare la sicurezza pubblica.

Articoli correlati

Il comitato Voce dell’Ulivo: “Pronti a marciare su Roma”

Redazione

Impianto inertizzazione Melpignano, problemi sulla destinazione del terreno. Stomeo: «Risolveremo»

Redazione

Qualità della vita: il Sud in fondo alla classifica, il Salento in fondo al Sud

Redazione

Follia al volante: 28enne arrestato per tentato omicidio

Redazione

Rincari sulle patenti, le autoscuole si fermano per protesta

Redazione

Sanremo, sul palco dell’Ariston c’è anche il “made in Salento”

Redazione