275, MRS raduna le forze: una battaglia lunga una vita

SANTA MARIA DI LEUCA – “Il Movimento Regione Salento è la miccia che vuole far esplodere la partecipazione di tutte le forze politiche salentine, in maniera trasversale e bipartisan, perché insieme si combatta per il territorio”. Così Paolo Pagliaro tiene con orgoglio lo striscione con lo slogan che da sempre accompagna il movimento: “L’Italia inizia a Santa Maria di Leuca e non finisce a Bari”.

E c’è una battaglia che è lunga una vita, ben 25 anni, e che ha appena ricevuto una nuova, bruciante delusione. La strada statale 275, quella che collega Maglie a Leuca, aspetta ancora di essere completata, di essere raddoppiata e messa in sicurezza. E, con essa, aspettano l’incolumità di chi la percorre, giacché è stata teatro di tantissime tragedie della strada; aspettano i posti di lavoro che il cantiere, sbloccandosi, creerebbe.

Eppure non è stata inserita tra le opere che, con il Decreto semplificazioni, sono state commissariate proprio per “sbloccarle” e accelerarne il completamento.

Il Movimento Regione Salento ha dato allora appuntamento a chiunque abbia a cuore la realizzazione di quest’opera, in un luogo simbolo: il lungomare di Santa Maria di Leuca.

Il centrodestra unito ha presentato un emendamento, primo firmatario Antonio Gabellone, al quale hanno aderito anche forze della maggioranza, perché Emiliano chieda al governo di inserire la 275 tra le opere da commissariare; poi, con lo stesso scopo, si chiede l’istituzione di un tavolo in Provincia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*