Lanna sul Pisa: “Serve concentrazione, squadra difficile da affrontare. Noi più cinici”

Salvatore Lanna, 44 anni, vice allenatore del Lecce (Foto P.Pinto)

LECCE (di Carmen Tommasi) – Adesso per il Lecce c’è il Pisa al “Via del Mare”, occasione e partita giusta per ritornare alla vittoria. I giallorossi vengono da nove risultati utili di fila e non ottengono i tre punti dalla gara casalinga con la Reggiana dello scorso 21 novembre. Salvatore Lanna, il vice di Eugenio Corini fermo ai box a causa della positività al covid-19, presenta la gara contro la squadra di Luca D’Angelo, valida per la tredicesima giornata di serie B: “Domani dovremo proseguire sul nostro spartito, con intensità e voglia di portare avanti il pallone. Di certo, servirà maggiore concretezza –spiega Lanna-  e saranno importanti le fasi di transizione visto il tipo di gioco dell’avversario. Serve massima attenzione alle ripartenze”.

L’INFERMERIA – Non fanno parte del gruppo gli indisponibili Felici e Dermaku, non convocati per scelta tecnica Dubickas, Lo Faso, Borbei, Gallo e Rodriguez: “L’unico indisponibile è Dermaku: avere tante scelteè un aspetto fondamentale in un periodo come questo. Ieri, non si erano allenati con i compagi Meccariello, Mancosu e Tachtsidis che dovevano recuperare le fatiche di Salerno, ma ora sono tutti disponibili. Falco? Sta bene e si è pienamente ripreso dalla botta alla caviglia. Ci ha messo grande voglia per recuperare, e come staff dobbiamo ringraziarlo per la disponibilità che ci ha dato a Salerno. Ci teneva ad aiutare i compagni anche per pochi minuti, nonostante non fosse al top della forma fisica”.

TOUR DE FORCE – Gli impegni ravvicinati posso condizionare le possibili scelte, ma bisogna pensare partita dopo partita: “Ora la gara più importante è quella con il Pisa, stiamo valutando insieme al mister proprio per il fatto che si gioca ogni tre giorni e bisogna massimizzare le forze”.

SERVE CATTIVERIA – Il Lecce nelle ultime gare ha costruito tanto e ha finalizzato poco: “Il fatto che la squadra arrivi con grande continuità in zona gol va mantenuta. Va invece migliorato l’aspetto dell’incisività, del trovare la giusta concretezza in zona gol per raccogliere quanto seminato”.

L’AVVERSARIO – Il Pisa è un avversario in un momento positivo: “Loro sanno il fatto loro. Gara difficile, ma abbiamo tutte le potenzialità per affrontarla. Affrontiamo una squadra in forma, in salute, che ha fatto 7 punti nelle ultime 3 subendo un solo gol. Sanno giocare un calcio propositivo e sono un collettivo compatto, difficile da affrontare soprattutto ora. Giocano con un 4-3-1-2 abbastanza offensivo, facendo alzare parecchio i terzini e puntando sulla qualità da trequartista di Vido, nonché su attaccanti importanti come Marconi, ma non solo”. 

IL “GENIO” – Un saluto va, poi, a mister Corini: “Il mister è sempre con noi e ci confrontiamo sempre. Lui da casa ci indirizza e guida da casa, anche ieri abbiamo fatto una video conferenza. I ragazzi hanno bisogno di lui e lui non li abbandona mai, sotto ogni punto di vista. Di certo non sarà un momento facile per lui, che non potrà esprimere la sua grinta con la presenza fisica al fianco dei ragazzi, ad incitarli. Però, si fa sentire comunque, come si fanno sentire sempre i nostri tifosi”.

Fischio d’inizio ore 14:00, arbitra Sacchi di Macerata.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*